Home Padovano Padova Est Centinaia di volontari ripuliscono il territorio di Ponte San Niccolò

Centinaia di volontari ripuliscono il territorio di Ponte San Niccolò

“L’idea è nata durante uno dei tavoli di lavoro che abbiamo organizzato nella fase di uscita dall’emergenza Covid-19. Oltre 200 persone hanno preso parte alla manifestazione”

Ponte San Niccolò

Grande successo per la prima edizione di “Puliamo Ponte”, una mattinata ideata dal Comune in cui i sannicolesi si sono presi cura della propria città, dedicandosi alla raccolta dell’immondizia abbandonata lungo l’argine del fiume e per le strade. Si è tenuta a giugno quando tanti cittadini hanno aderito all’invito del sindaco Martino Schiavon: approfittare della passeggiata del sabato per pulire i propri dintorni, che troppo spesso rischiano di essere deturpati dall’inciviltà di pochi.

L’iniziativa a Ponte San Niccolò

“L’idea è nata durante uno dei tavoli di lavoro che abbiamo organizzato nella fase di uscita dall’emergenza Covid-19 – racconta il sindaco.Oltre alle riunioni per l’imprenditoria, la cultura e lo sport, ci sono state anche quelle dedicate ai giovani. Proprio durante uno di questi incontri ho lanciato questa proposta: perché, oltre ad aderire come tutti gli anni alla giornata “Puliamo il Mondo”, non facciamo anche un “Puliamo Ponte San Nicolò”? All’inizio non avevamo ben chiaro come realizzarla, poi insieme anche a Nicolò Pegoraro, consigliere delegato alle politiche giovanili, abbiamo elaborato l’iniziativa”. La mattinata è stata molto partecipata, così sono stati riempiti circa quaranta sacchi di immondizia.

“Purtroppo in alcuni punti abbiamo trovato parecchie mascherine e guanti buttati per strada. C’è qualche problema in questo senso, ma non me la sento di criminalizzare i cittadini, anche perché in parte ad abbandonare queste cose è anche gente da fuori Comune”. Ai sannicolesi che hanno aderito a “Puliamo Ponte” sono stati forniti tutti i materiali per raccogliere i rifiuti in sicurezza: guanti, pinze, sacchi e pettorine, provenienti dal Comune o da altre associazioni. “Siamo stati aiutati da qualche sponsor – spiega Schiavon – i Boomerang Runners e l’Avis ci hanno offerto i giubbetti per essere riconoscibili, Aps invece ci ha fornito sacchi e altro materiale. Anche grazie a loro l’iniziativa è riuscita molto bene: abbiamo avuto una marea di adesioni e un ottimo ritorno, con tutti i partecipanti felicissimi. Siamo rimasti positivamente impressionati dalla massiccia partecipazione, con ben oltre 200 persone che hanno preso parte alla mattinata. Parecchie si sono presentate fin dall’inizio davanti al municipio, ma molte altre si sono unite durante il tragitto. È stato veramente sbalorditivo e importante, oltre le aspettative, così abbiamo deciso di replicare sabato 11 luglio in maniera ancora più completa. Si sono chiuse del tutto alcune strade, pulite da alcuni volontari con la ramazza, e continuando a fornire sacchi, guanti e pinze a chi raccoglie”.

Carlo Romeo

Le più lette