Home Veneziano Chioggia Chioggia: aree verdi, al via il monitoraggio per garantire luoghi puliti da...

Chioggia: aree verdi, al via il monitoraggio per garantire luoghi puliti da destinare alle attività all’aperto

Il Comune di Chioggia sta vagliando le aree verdi per destinarle ad attività all’aperto

Veronese

L’amministrazione comunale ha avviato un percorso di monitoraggio di tutte le aree verdi di Chioggia che rientrano nel proprio patrimonio, per destinarle ove possibile allo svolgimento di attività dedicate ai bambini, come il potenziamento dei centri estivi diurni, dei servizi socioeducativi territoriali e dei centri con funzione educativa e ricreativa destinati alle attività di bambini e bambine di età compresa fra i 3 e i 14 anni, per i mesi da giugno a settembre 2020, in linea con le prescrizioni indicate nei decreti governativi e regionali in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da virus Covid-19.

Chioggia, le parole del vicesindaco Veronese

“In questo contesto l’analisi verte sulla fruizione delle aree verdi per i bambini – spiega il vicesindaco e assessore all’Ambiente Marco Veronese – spazi delimitati e sicuri anche in termini di igiene. Nei parchi pubblici, laddove possibile, saranno delimitate aree ad uso esclusivo dei cani senza promiscuità con le aree fruibili per le attività”.

L’amministrazione si pone l’esigenza di ovviare il problema delle deiezioni canine non raccolte, sporcizia che è purtroppo riscontrata in molti parchi, tra cui quello di Nicolò Zeno. In tale contesto si valuta la possibilità di permettere l’eventuale mobilitazione di cani all’interno di aree specificatamente dedicate. Laddove non possibile, verrà inibito l’accesso ai cani, anche al guinzaglio. “L’osservanza delle regole, molto spesso non viene garantita da parte dei proprietari dei cani – conclude Veronese – . L’amministrazione ritiene dovere primario assicurare l’igiene dei luoghi che saranno frequentati dai bambini”.

Le più lette