Home Veneziano Chioggia Chioggia: Sagra del pesce, per quest’anno è sospesa con tutte le manifestazioni...

Chioggia: Sagra del pesce, per quest’anno è sospesa con tutte le manifestazioni enogastronomiche

L’assessore Isabella Penzo: “Questo stop sarà un’occasione per pensare ad un progetto nuovo”

Sagra del pesce Chioggia

E alla fine, nonostante le abbiano pensate tutte, la ottantatreesima edizione della Sagra del pesce non potrà svolgersi e con essa sono sospese tutte le sagre, street food e le manifestazioni enogastronomiche all’aperto. Una decisione sofferta ma inevitabile che lo scorso 1 luglio l’amministrazione ha dovuto prendere, con l’adozione della relativa delibera di giunta, in confomità con le “Misure per la prevenzione e il contenimento del virus Covid-19”.

Questo tipo di manifestazioni – si legge nella delibera – “costituiscono un momento di aggregazione sociale, caratterizzata dalla partecipazione di un elevato numero di persone, cittadini residenti nel Comune di Chioggia e nei comuni limitrofi nonché turisti di varie nazionalità e ritenuto che lo stato attuale dell’emergenza epidemiologica richiede all’Ente di effettuare opportune valutazioni ponderate allo scopo di contrastare e contenere il possibile diffondersi del Covid- 19 ed assicurare e garantire la tutela degli interessi pubblici, quali la salute dei cittadini e l’incolumità delle persone”.

Nello specifico l’assessore al Turismo e agli eventi Isabella Penzo si sofferma a commentare la decisione assunta riguardo alla Sagra del pesce, che ogni anno richiama più di centomila persone. Evitare gli assembramenti e garantire il distanziamento sociale, era praticamente impossibile.

Sagra del Pesce, le parole dell’assessore Penzo

“A seguito di alcuni incontri svoltisi in queste settimane con gli standisti della sagra del pesce – spiega l’assessore – siamo giunti alla conclusione condivisa dai più di sospendere l’ottantatreesima edizione della Sagra del pesce fino a nuove disposizioni. Gli straordinari numeri di visitatori di questa storica manifestazione, che richiama turisti da ogni parte d’Italia, sono in continua crescita e a seguito delle recenti disposizioni è difficile mettere in campo tutte le misure previste dalla normativa. Da cittadina, prima che da assessore, sono molto dispiaciuta, ma, come hanno suggerito gli stessi operatori, questo stop sarà un’occasione per pensare a un progetto nuovo. Non sappiamo quanto durerà questa emergenza sanitaria ed è necessario farci trovare pronti, con idee nuove per il futuro”. Per quanto riguarda gli altri eventi, quest’anno il Comune ha puntato su iniziative più contenute e diffuse, rivedendo la programmazione già pronta a febbraio, prima della pandemia, con soluzioni più conformi con le nuove disposizioni sulla sicurezza e il contenimento della diffusione del virus.

Le più lette