Home Rodigino Delta “Lontano dal Delta mi alleno e studio”

“Lontano dal Delta mi alleno e studio”

L’attaccante non ha la testa solo sul calcio. Oltre agli allenamenti ha in programma di laurearsi a luglio

Rivolino Gavoci

È stato l’ultimo giocatore ad arrivare a Porto Tolle e vestire la maglia del Delta prima dello stop generale. Era febbraio, giusto il tempo per il debutto contro il Legnago, 2-2 il finale, nell’ultima partita ufficiale, e poi, il 5 marzo, l’amichevole con il Padova, allo stadio Appiani, dove Rivolino Gavoci, attaccante di ruolo, giocò nel secondo tempo. Poi il lockdown, attività sospesa con i giocatori deltini liberi di raggiungere le proprie famiglie.

“Sono stato un mese a Porto Tolle – dice Gavoci, dalla sua casa di Castel Bolognese, in provincia di Ravenna – e mi ero subito ambientato bene. Bello il gruppo, bello l’ambiente e la giusta voglia da parte mia di mettermi a completa disposizione e soprattutto con la giusta voglia di rivalsa dopo un inizio non del tutto positivo per me ad Alfonsine a causa anche di un fastidioso problema fisico.” Gavoci aveva già incrociato i colori del Delta, in altre due occasioni: una recente, l’amichevole agostana del Delta allora allenato da Barella, ad Alfonsine (terminata 0-0) e una un po’ datata quando Gavoci vestiva la maglia del Romagna Centro. L’ha vestita per due stagioni 2013/2014-2014/2015, le migliori per l’attaccante cresciuto nel settore giovanile del Cesena, dove mise a segno, in 69 presenze, la bellezza di 40 gol. Uno dei quali proprio al Delta. Era novembre del 2014, allo stadio Gabrielli di Rovigo, dove però il Romagna Centro fu travolto , 8-2 il finale, dal Delta con tripletta di Cozzolino, gol di Laurenti, Capellupo, Politti e Lauria, una delle squadre più forti degli ultimi anni deltini: Gavoci pareggiò il gol messo a segno da Cozzolino, ma poi il suo Romagna Centro, fu travolto. “Una squadra fortissima quel Delta, ricorda Gavoci. Anche questa, però, ha molta qualità e i numeri a mio avviso non rispecchiano i valori di questa squadra”.

Ti stai tenendo in forma? “Sì, settimanalmente ci sentiamo nella chat di squadra con il preparatore. Facciamo esercizi per la forza, ma ovviamente manca la parte aerobica, quella della corsa. Ora che le restrizioni si sono allentate faccio più movimento: fortunatamente qua in provincia di Ravenna il contagio è stato tutto sommato limitato. Ho approfittato di questo stop per dare gli ultimi esami a Scienze motorie alla facoltà di Rimini e a luglio discuterò la tesi”. Il 14 luglio, compi 29 anni, una doppia festa. “Sì speriamo di poter festeggiare anche il ritorno totale alla normalità”. Cristiano Aggio

Le più lette