Home Veneziano Riviera del Brenta Sensori e centraline per ridurre le code in centro a Mira

Sensori e centraline per ridurre le code in centro a Mira

Sono state collocate nel centro del capoluogo: se l’esito sarà favorevole il Comune replicherà l’operazione in Piazza Mercato e via Sabbiona

Code

Si sono conclusi i lavori per l’ammodernamento dell’impianto semaforico del centro di Mira e che riguarda i nodi sul ponte mobile (via Nazionale, Riviera. Matteotti, via Marconi e via Gramsci) e quelli all’altezza del ponte sul Canale Taglio (Via Nazionale, laterali via Nazionale, via Miranese, via Argine Destro e vicolo San Rocco), con l’aggiunta della nuova corsi. In totale sono 8 nodi e 5 attraversamenti pedonali.

Mira, le parole del sindaco Dori

“La novità principale consiste – spiega il sindaco Marco Dori – nella presenza di una centralina di ultima generazione che lavora i dati raccolti per eliminare le code e armonizzare gli attraversamenti pedonali. Vi è una fase in cui, ad esempio, contemporaneamente è possibile l’attraversamento di tutta l’area da parte dei pedoni e degli utenti deboli. Sono stati per questo inseriti anche degli appositi calcolatori numerici che segnalano il countdown sia in fase rosso, che in verde e arancione, con ripristino del sistema a chiamata e di avviso sonoro per i non udenti”.

L’altra grande novità, è la presenza a terra e sui semafori di sensori e spire elimina coda, che rilevano la presenza dei mezzi e inviano segnali alla centralina, che organizza in maniera intelligente i tempi di attesa per ridurre il più possibile i tempi in coda. Un’altra importante “rivoluzione”, che completa il lavoro sul ponte sul Taglio, è il cambiamento fatto su via Argine Destro. Qui è stato arretrato, all’altezza di vicolo San Rocco, il semaforo, in modo tale da evitare, come succedeva in passato, che vi fosse la contemporanea presenza di due auto, una in entrata e una in uscita, rispetto a via Nazionale,che creava problemi di sicurezza e imbottigliamenti. Il transito tra viale San Rocco e via Nazionale è temporizzato con sistema contdown.

“Dopo un rodaggio – spiega il sindaco Marco Dori – cominciamo a vedere una riduzione dei tempi di attesa, soprattutto per chi deve entrare in via Nazionale. Attendiamo anche le simulazioni con i passaggi delle imbarcazioni, oggi decisamente poche rispetto al passato, e la ricalibratura di alcuni passaggi relativi a via Gramsci e viale San Rocco. Se l’esito sarà favorevole, potremmo replicare questa operazione di ammodernamento anche in altre zone con gli stessi problemi di compresenza di ponti, incroci e attraversamenti pedonali, come a Piazza Mercato e via Sabbiona, per i quali abbiamo comunque già chiesto i preventivi”.

Alessandro Abbadir

Le più lette