Home Padovano Brugine, sottoscritta l’intesa per l’avvio del “Controllo di vicinato”

Brugine, sottoscritta l’intesa per l’avvio del “Controllo di vicinato”

Sottoscritto lo scorso 25 giugno in Prefettura a Padova il protocollo di intesa per l’avvio del “controllo di vicinato” nei Comuni di Brugine, Polverara, Abano Terme e Santa Giustina in Colle

Controllo del vicinato

Con i quattro nuovi enti municipali sale a 22 il numero dei Comuni padovani che aderiscono a questo modello di “sicurezza partecipata” che prevede il coinvolgimento diretto dei cittadini. Basato su partecipazione volontaria, il controllo di vicinato utilizza le chat di gruppo con le quali i cittadini possono segnalare situazioni inusuali, comportamenti sospetti e fattori di rischio. Informazioni che verranno filtrate da un coordinatore in contatto con i carabinieri e le forze di polizia.

Controllo del vicinato, parla l’amministrazione comunale

“Il controllo di vicinato era uno degli obiettivi del nostro programma e, con la firma in prefettura dell’accordo, ora potremmo mettere in azione gli strumenti necessari per arrivare al compimento di questo progetto” ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Jhonny Caron.

“I cittadini di Brugine e Campagnola – ha aggiunto – possono diventare parte attiva per il contrasto di fenomeni di illegalità e per il controllo del territori, precisando che il controllo del vicinato non vuol dire fare la spia ai propri vicini di casa, non ha infatti niente a che vedere con i normali rapporti tra confinanti, ma vuol dire collaborare in modo da fare emergere quelli che possono essere i comportamenti sospetti e precursori di eventuali illeciti. È uno strumento che se ben gestito può risultare di forte aiuto al lavoro delle forze dell’ordine”. Guida al

Le più lette