Home Padovano Il Comune ha acquistato il terreno della Regione per il Parco e...

Il Comune ha acquistato il terreno della Regione per il Parco e il bosco di Legnaro

L’amministrazione vuole realizzare a ridosso dell’ex Corte Benedettina una grande oasi verde a servizio del cittadino e degli studenti, docenti e personale di Agripolis

Il momento dell’accordo

Il Comune diventa proprietario dei 55 mila metri quadri di terreno della Regione annessi all’ex Corte Benedettina. La compravendita è stata formalizzata il primo luglio in municipio e la superficie acquistata per 75.800 euro. Quello che l’amministrazione comunale vuole realizzare qui, a ridosso del complesso monumentale quattrocentesco – i cui locali dal 2018 sono in comodato d’uso al Comune e all’università di Padova – è un ambizioso progetto di valorizzazione di tutta l’area con la realizzazione di un parco urbano e un bosco di pianura. Un’unica oasi verde, a due passi dal centro, a servizio dei cittadini e delle migliaia di persone tra studenti, docenti e personale del vicino polo scientifico di Agripolis. Fondamentale sarà quindi la collaborazione di tutti gli enti presenti con sedi e servizi nell’area: l’università di Padova, l’ex Veneto Agricoltura e la stessa Regione. Tra parco e bosco si parla di un’area di oltre 70 mila metri quadri, conteggiando anche i terreni di proprietà dell’ateneo patavino e i servizi di corredo necessari. Nelle intenzioni dell’esecutivo locale nel parco troveranno posto percorsi vita; zone attrezzate per bambini; campi da gioco per le attività sportive all’aperto; un’area dedicata a spettacoli ed eventi culturali e una zona riservata agli orti sociali. A fianco un grande bosco planiziale dove verranno piantumati 4 ettari di alberi autoctoni per dare a Legnaro un grande polmone verde e per abbattere i futuri costi di manutenzione dell’intera area.

Le parole del sindaco di Legnaro

“Da oggi la realizzazione del parco urbano e del bosco di Legnaro iniziano a diventare realtà – ha dichiarato il sindaco Vincenzo Danieletto, annunciando che – è già iniziato un percorso di dialogo con l’università, la Regione e le associazioni perché il progetto possa essere per tutti e di tutti”. “Un profondo ringraziamento – ha ricordato il primo cittadino – va alla Regione, e in particolare al vicepresidente Gianluca Forcolin, per aver creduto nella nostra proposta, per la sempre presente disponibilità e collaborazione, senza la quale oggi non sarebbe un giorno così speciale”.

“Un grazie particolare – ha aggiunto – va anche a tutto il nostro ufficio tecnico per il prezioso lavoro svolto, e a tutti i collaboratori della Regione”. L’esecutivo locale si dice sicuro che il progetto potrà essere un volano importante per tutte le attività ricettive della Saccisica inserendo il parco in un più ampio contesto di percorsi ciclopedonali da Padova alle località balneari del veneziano. Martina Maniero

Le più lette