Home Padovano Padova Padova, amianto a Piazzale Boschetti: "Il sindaco riferisca in consiglio"

Padova, amianto a Piazzale Boschetti: “Il sindaco riferisca in consiglio”

Il Vicepresidente del Consiglio Comunale di Padova Ubaldo Lonardi ha scritto al sindaco Sergio Giordani in merito al ritrovamento di amianto che ha causato lo stop al cantiere di Piazzale Boschetti

Comune di Padova

“La notizia di un secondo stop al cantiere di Piazzale Boschetti per il ritrovamento di nuovo amianto, conferma la veridicità delle contestazioni che molti consiglieri dell’opposizione e la stessa consigliera Ruffini della sua maggioranza, hanno posto in questi mesi per la superficialità sia delle indagini effettuate sulla presenza di amianto e altre sostanze tossiche-cancerogene nel terreno del piazzale sia per la conseguente modalitàevidentemente inadeguata e insufficiente di bonifica “superficiale” dello stesso, con tutta una grave serie di effetti, come il declassamento di quello che doveva essere un “parco” a semplice “prato” – ha dichiarato Lonardi -. Si tratta di un argomento troppo grave per risolverlo con il solo stop delcantiere: trattandosi di amianto, se usassimo i “democratici metodipolitici” usati dai suoi sostenitori “dem” scatterebbe l’esposto in procura con probabile sigillatura del cantiere. Non è questo il nostro modo di operare, anche perché l’indagine dovrebbe essere partita d’ufficio… ma ci interessa risolvere il problema perché il “Parco Tito Livio”, progetto ideato dall’ex Sindaco Bitonci, sia presto realizzato”.

“Perchè ciò avvenga è doveroso, Signor Sindaco, relazionare a tutto il Consiglio Comunale com’è davvero la situazione e quindi si deve sapere come sono state effettuate le precedenti indagini dall’Arpav anche con la consegna ditutte le relazioni ricevute e come anche è importante sapere per qualiragioni alla prova dei fatti siano state smentite, come sostenevamo. Le chiedo inoltre di riportare in Commissione Consiliare il nuovo complessivo progetto di bonifica, comprendente anche quello relativo alla eventuale costruzione del garage interrato per gli appartamenti dilusso che la sua amministrazione farà costruire nelle palazzine definite “liberty” di piazzale Boschetti – ha continuato Lonardi -. A tal riguardo Le chiedo, anche alla luce delle attuali complicazioni, diriprovare con la nuova dirigenza delle Belle Arti, che si sta dimostrando più attenta alla sostanza dei problemi, a richiedere la demolizione dellacostruzione d’angolo con via Gozzi (assolutamente non liberty) comeanche l’associazione “la Specola delle Idee”, presieduta dall’avv. Liccardo, da anni chiede”. “Ciò consentirebbe comunque la realizzazione degli appartamenti di pregio nella palazzina rimanente e risolverebbe il grave problema della rampa di accesso al garage senza dover prevedere la vendita ai privati di una importante strada pubblica, via Tommaseo – ha concluso Lonardi -,delitto amministrativo di cui nessuna Giunta comunale, nemmeno la più destrorsa, si è mai macchiato”.