Home Padovano Bassa Padovana Parcheggi rosa, il Comune di Este taglia i pass ed è polemica

Parcheggi rosa, il Comune di Este taglia i pass ed è polemica

La denuncia delle Civiche d’Este: “una brutta scelta”, il sindaco replica: “siamo con le mamme, la nostra è una protesta”

Parcheggi rosa

Parcheggi rosa per le neomamme, a Este il Comune “taglia” i pass. A segnalare l’anomalo comportamento dell’ente comunale sono le Civiche d’Este: “A Este la cicogna vola via. In questi giorni cittadine estensi in dolce attesa si sono viste negare l’autorizzazione al parcheggio rosa, ossia la possibilità di sosta auto gratuita per donne in gravidanza o con figli più piccoli di due anni”.

Continua il gruppo: “Si trattava di una iniziativa dell’amministrazione precedente, adottata nel 2012 come messaggio culturale di vicinanza e atto di sostegno alla maternità. Chiediamo all’amministrazione di tornare immediatamente indietro su questa brutta scelta”. Ogni anno, almeno all’avvio dell’iniziativa, il Comune ha rilasciato una trentina di pass.

La replica dell’amministrazione comunale

L’amministrazione comunale respinge l’accusa di scarsa responsabilità, e anzi motiva la scelta proprio con la vicinanza alla problematica: “Sono con le mamme, che si trovano sempre i parcheggi rosa occupati abusivamente. Noi non possiamo multare, manca la legge – spiega il sindaco Roberta Gallana – I parcheggi rosa non sono ancora regolamentati dal Codice della Strada. Il Comune ha smesso, in segnale di protesta, di erogare i cartellini: sarebbe un’ipocrisia da parte nostra concedere un tagliando che, per mancanza di leggi, non permette di godere di nessuna tutela”.

La Gallana sottolinea che lo stop all’erogazione dei pass è una protesta concordata con le ultime mamme che hanno fatto richiesta del tagliando: “La situazione è paradossale: i tagliandi rosa, infatti, non garantiscono l’utilizzo dei parcheggi adibiti, poiché manca una legge che disciplini una corretta sanzione per coloro che occupano abusivamente i posteggi. L’assurdità della cosa sta nel fatto che non è possibile multare chi occupa impropriamente i park rosa”. Da qui l’auspicio che il Governo riprenda l’iter per riconoscere questo “diritto sociale” delle mamme. “E quindi, ora togliamo anche gli spazi rosa già presenti?- replica il consigliere Stefano Agujari Stoppa – Concordo con il sindaco sulla necessità di una legislazione più seria, ma non capisco perché si debba fare un passo indietro del genere”.

Le più lette