Home Padovano Camposampierese Ovest San Giorgio delle Pertiche, fiera di Arsego: “Siamo al lavoro per assicurare...

San Giorgio delle Pertiche, fiera di Arsego: “Siamo al lavoro per assicurare l’edizione 2020”

La giunta comunale sta cercando di garantire il normale svolgimento della 273esima edizione dell’evento

Fiera di Arsego, scorsa edizione

“Ora è troppo presto per dire che non si farà – sottolinea -. Per ora posso dire che nei nostri piani c’è la volontà assoluta di fare il massimo per riuscire a dare il via alla 273esima Fiera di Arsego. In queste settimane ci stiamo coordinando con i vari enti che organizzano eventi fieristici in autunno: è forte la voglia di tornare alla quotidianità e alle nostre tradizioni, rilanciando il settore del commercio e dell’intrattenimento e permettendo alle famiglie e ai bambini di uscire e divertirsi”.

Parola del sindaco di San Giorgio delle Pertiche Daniele Canella che alla Fiera di Arsego, dal 15 al 20 ottobre, non rinuncia di sicuro. Insieme alla presidente della Fiera Stefania Pierazzo è al gran lavoro per fare in modo che l’edizione 2020 possa essere confermata dopo il grande successo dell’edizione 2019. “Con la storia e le nostre tradizioni non si scherza. Faremo di tutto per svolgere la terza settimana di ottobre la nostra antica fiera di Arsego” affermano Canella e Pierazzo. Tante le manifestazioni messe in forse dalla pandemia e tra queste una delle più antiche come la Fiera di Arsego.

La passata edizione della Fiera di Arsego

“L’anno scorso siamo riusciti a ridare lustro a una tradizione che era rimasta a lungo sottotono, con risultati così positivi che è stata definita la fiera dei record – ha dichiarato Pierazzo -. Se nel 2019 ci siamo confrontati con le stringenti normative in materia di sicurezza, quest’anno ci concentreremo per attuare i protocolli antiCovid-19. Se tutti ci atteniamo ai consigli che gli esperti ci stanno, dando possiamo farcela”. E proprio il sindaco Canella ha convocato un incontro in videoconferenza con gli amministratori di molti comuni padovani che ospitano le grandi fiere d’autunno, come Piazzola sul Brenta, Cittadella, Monselice, Trebaseleghe e Tresto. Nelfrattempo il Comune sta già prendendo contatti con tutte le realtà a vario titolo coinvolte, dalla Prefettura all’Ulss, dalle associazioni di categoria alle realtà parrocchiali.

“Ce la stiamo mettendo davvero tutta per accendere le luci su questa bellissima manifestazione e per farci trovare impreparati – afferma il presidente della Fiera e assessore Pierazzo -. Ci saranno, poi, lunghi tavoli di lavoro ma la cosa non ci spaventa”. Questi alcuni numeri della manifestazione: 272 anni di storia, 100 espositori nell’Expo, mercato agricolo, storica Fiera del bestiame, oltre 300 bancarelle, padiglioni gastronomici, 2 pesche di beneficenza, Street Food Village, oltre 500 volontari impegnati, 150 mila mq di parcheggi, PalaFamily, mongolfiera panoramica, grandioso Luna Park, PalaCultura, Music Village, Creativity Village, AgriFarm Village, spettacoli delle associazioni rievocazione storica, grande fattoria didattica. Nicoletta Masetto

Le più lette