Home Breaking News Vigodarzere: giovani laureati tornano nelle aule a supporto dei servizi integrativi

Vigodarzere: giovani laureati tornano nelle aule a supporto dei servizi integrativi

Zordan: “abbiamo messo a punto contributi per scuole e famiglie”

Centri estivi

Giovani laureati a supporto delle necessità didattiche dei ragazzi delle scuole primarie e della secondaria del Comune di Vigodarzere. Punta all’integrazione e alla trasmissione di saperi fra le giovani generazioni il progetto “Dammi il cinque”, messo in cantiere dall’amministrazione comunale di Vigodarzere e rivolto a ragazzi a elementari e medie in attività pomeridiane. L’amministrazione, dunque, investe nei servizi integrativi scolastici. Un’opportunità e un servizio possibili grazie al contributo di 41 mila euro elargiti dalla Fondazione Cariparo, a cui si aggiungeranno altri 16 mila euro che derivano dal bilancio dei servizi sociali.

L’iniziativa si inquadra nel disegno generale di prevenzione delle povertà educative rivolto all’intera popolazione scolastica, ma mira nel contempo anche ad offrire opportunità di supporto anche economico ai neo laureati, molti dei quali ancora in difficoltà di inserimento occupazionale. Parte, dunque, con un progetto sociale a vasto raggio la fase di ripartenza scolastica dei prossimi mesi.

Le parole del sindaco

“L’anno appena concluso – ha spiegato il sindaco, Adolfo Zordan – è stato particolarmente difficoltoso per i ragazzi, che hanno pagato lo scotto di assenza di relazioni con adulti significativi, e concluso esperienze didattiche in un contesto di emergenza, con innegabili ripercussioni sul piano dell’apprendimento. Questo progetto che incontra i nostri alunni di Vigodarzere vuole favorire un incontro fra giovani e ragazzi, che valorizzi le risorse umane del territorio e consenta di creare, ad integrazione del tempo didattico, opportunità di confronto nell’ambito di un servizio sociale gratuitamente rivolto alle famiglie”. Il progetto si pone a coronamento di una vasta rete di interventi sociali che troveranno supporto finanziario con la prossima variazione di bilancio.

“Cercheremo – continua il primo cittadino – di sostenere dal punto di vista finanziario i maggiori oneri che ci saranno richiesti dal garantire la continuità dell’asilo nido. Un primo esempio, in tal senso, è stato il finanziamento per oltre 8 mila euro dell’attività del nido estivo, che permette a 18 famiglie residenti di conciliare le necessità di vita e lavoro. Assegneremo, inoltre, risorse: tra queste circa 20 mila euro, in aggiunta a quelli già stanziati in bilancio per le attività delle scuole materne parrocchiali. Tutto questo per riuscire a contenere, per quanto possibile e sin dal prossimo settembre, l’inevitabile caro “rette” degli asili”. Gli interventi non finiscono, però, qui. L’amministrazione comunale sta già predisponendo un bando per ripartire alle famiglie utenti dei centri estivi i circa 26 mila euro assegnati dallo Stato nelle scorse settimane. “Grazie agli sconti già concessi con i fondi comunali – conclude il sindaco Zordan – siamo riusciti ad avviare, con buoni esiti, il centro estivo comunale presso la sede di Vigodarzere che continuerà la propria attività fino alla fine di agosto e per tutto il mese”. (n.m.)

Le più lette