Home Breaking News Cavarzere: appuntamenti culturali finalmente si riparte

Cavarzere: appuntamenti culturali finalmente si riparte

Dopo il recupero, ad agosto, degli spettacoli saltati a marzo, si predispongono i nuovi eventi. Si parte il 4 ottobre con il concerto del giovane pianista Elia Cecinio

La cultura di Cavarzere è finalmente ripartita, dopo il blocco imposto dall’emergenza coronavirus. “Abbiamo ripreso in agosto con il recupero degli spettacoli saltati a marzo e ora stiamo predisponendo nuovi eventi”, fa sapere l’assessore alla Cultura Paolo Fontolan. Tra i primi appuntamenti in calendario, a ottobre ripartirà il ciclo di incontri con l’autore.

Gli eventi in programma

Il programma è attualmente in via di definizione. Intanto, da mettere in agenda è il concerto di domenica 4 ottobre, che si svolgerà nella cornice del teatro Serafin a partire dalle ore 17. A esibirsi sarà il giovane pianista Elia Cecinio, vincitore del Premio Venezia. “Un evento di grande spessore che si è presentato quanto mai importante anche per la città di Cavarzere in quanto, grazie al mio interessamento e al prezioso apporto dell’assessorato alla Cultura, il Comune di Cavarzere ha ottenuto il prestigio di venire citato nella tradizionale brochure del concorso pianistico e durante la premiazione del vincitore nella finalissima al teatro La Fenice come sostenitore” fa sapere Stefania Masiero, pianista e organizzatrice dell’evento.

Masiero collabora con la Contessa Barbara Valmarana, presidente dell’Associazione Amici della Fenice, già da alcuni anni per l’organizzazione dei concerti del vincitore del premio Venezia a Cavarzere. Elia Cecinio, prima di vincere il Premio, si è affermato in Italia e all’estero in concorsi internazionali come il Pozzoli di Seregno, Casagrande di Terni, Marizza di Trieste, Krystian Tkaczewski di Busko-Zdrój, Brunelli di Vicenza, Schumann di Düsseldorf, Luciano Luciani di Cosenza, Città di Albenga, Isidor Bajic di Novi Sad, Chopin di Budapest, Rosario Marciano di Vienna, Marco Bramanti di Forte dei Marmi. Si è proposto da solista con la Düsseldorf Symphony Orchestra, Sichuan Philarmonic Orchestra, Orchestra Antonio Vivaldi, Bacau Philarmonic Orchestra, Joven Orquesta Leonesa, FVG Orchestra, Concentus Musicus Patavinus Orchestra e l’ Orchestra San Marco di Pordenone. Altre novità sul fronte culturale riguarderanno la stagione teatrale, anche se il cartellone è ancora in via di definizione.

“Covid permettendo noi contiamo di partire a novembre come di consueto con la stagione teatrale, anche se probabilmente saremo costretti a fare doppi turni – fa sapere l’assessore Fontolan –. La capienza a teatro sarà infatti dimezzata per via del distanziamento”. Guardando ancora più in prospettiva agli eventi natalizi di piazza, Fontolan non si sbilancia: “Speriamo che in qualche modo si riesca a farli”. Ma ora è davvero troppo presto per pensarci. Giorgia Gay

Le più lette