Home Veneziano Chioggia Chioggia: Pietas con mascherina alla mostra americana

Chioggia: Pietas con mascherina alla mostra americana

L’opera “Pietas 2020” vuole far riflettere sul cambiamento nei rapporti sociali tra gli umani e tra umano e divino, il distanziamento sociale arriva fino a determinare una barriera fisica e psicologica

Pietas 2020

Uno scorcio di Chioggia in Georgia. L’artista Sandro Varagnolo ha presentato una sua opera “Pietas 2020” alla mostra collettiva “Georgia on my mind. Omaggio all’arte” allestita a Tbilisi in Georgia dal 9 al 18 luglio scorso a cura di Loreta Larkina e Stefania Perrino. L’esposizione ha coinvolto 71 artisti di svariate nazionalità tra pittori, scultori e fotografi con l’intento di presentare alla nazione caucasica uno spaccato di arte contemporanea internazionale.

L’opera “Pietas 2020” proposta dal pittore chioggiotto Varagnolo, che compare anche sul catalogo della mostra in doppia lingua, è un olio su tavola di cm. 80×40 e rappresenta il famoso scorcio della Madonna del Sagraeto di Chioggia che per l’occasione indossa una mascherina chirurgica, mentre il bambino Gesù indossa la famosa maschera Fp3 (alla fine di febbraio nel periodo in cui l’opera è stata realizzata le mascherine di quel tipo erano pressoché introvabili e vendute a costi esorbitanti in Italia).

Le parole dell’artista

“Ho pensato a questa opera – ci spiega Sandro Varagnolo – non tanto per inserire una maschera ad una statua come in uso agli artisti di tutto il mondo ormai diffusamente … ma per stigmatizzare proprio il cambiamento di rapporto sociale tra umani e umano-divino, in quanto è proprio questa la triste eredità contemporanea che ci lascia questa pandemia. Il distanziamento sociale – aggiunge l’artista chioggiotto – comporta il cambiamento del rapporto tra uomini fino ad arrivare al legame tra madre e figlio (la cronaca ha segnalato una multa per un abbraccio tra una madre e il figlio…) determinando una barriera fisica e psicologica”. Il prossimo ottobre Sandro Varagnolo parteciperà a Venezia ad una collettiva sul paesaggio veneto e a Chioggia sarà allestita una installazione con gli artisti collaboratori dell’associazione Clodiacom con i quali a settembre, in occasione del festival Treviso Giallo patrocinato dal MIBACT (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo), presenterà “La scena del crimine”, allestita lo scorso anno nel Canal Vena di fronte a Palazzo Grassi a Chioggia. Eugenio Ferrarese

Le più lette