Home Padovano Camposampierese Ovest Dopo anni di abbandono e incuria il Parco Guizze di San...

Dopo anni di abbandono e incuria il Parco Guizze di San Giorgio delle Pertiche torna a vivere

Il Parco Guizze finalmente restituito ai suoi cittadini. Taglio del nastro a luglio per inaugurare l’attesa nuova era del Parco Guizze dopo i lavori di recupero e valorizzazione, svolti in maniera incessante nelle settimane precedenti e fortemente voluti dall’amministrazione

San Giorgio delle Pertiche

Dopo anni di abbandono e incuria, il Parco torna a vivere ospitando, per tutta l’estate, un nuovissimo format di servizi e intrattenimento rivolto a tutte fasce d’età e soprattutto alle famiglie. Il Parco si sviluppa in una grande area verde cittadina di 22 mila metri quadrati compresa tra le vie Buson e Punara. Un’oasi ambientale, realizzata tra gli anni Ottanta e Novanta, che vede piantumate numerose specie arboree autoctone intervallate da prati e disposte secondo logiche armoniose e geometriche. A decidere di restituire la zona alla sua originaria bellezza il Comune di San Giorgio delle Pertiche con la precisa volontà di far rivivere una degli angoli più belli e dimenticati.

Le parole del sindaco

“Il parco è solo un punto di partenza – ha detto il sindaco Daniele Canella – di una nuova stagione di recupero delle nostre splendide aree comunali cominciando non a caso dal polmone verde più bello del territorio”. E proprio l’amministrazione, insieme al personale dipendente del Comune, non ha perso tempo concretizzando in breve tempo sia i lavori che l’affidamento al gestore aggiudicatario del bando di concessione che ha investito nel Parco dando vita a #Borgo_e_Co. Cibo, Musica e Relax con il patrocinio del Comune. Significativa e non casuale l’altra decisione assunta dal Comune.

“Rinascono i luoghi e rinascono le persone” è stato detto e così, in una serata a dir poco emozionante, a fare da apripista dando vita per primi a un luogo come il Parco sono stati i ragazzi di terza media della scuola di San Giorgio delle Pertiche. Dopo un anno scolastico decisamente particolare hanno partecipato alla consueta premiazione di fine ciclo scolastico. Un momento, targato 2020, più intenso del solito e commovente. Il sindaco Daniele Canella e tutta l’amministrazione hanno voluto “celebrare” i ragazzi dando loro un dono dal grande significato simbolico come un carpino bianco. Questo alberoè, infatti, simbolo di resilienza, pazienza e capacità di rifiorire dopo ogni inverno. Proprio comeil luogoscelto per l’occasione e da poco rinato. Al Parco Guizze non mancano, oltre a musica, cibo e relax, anche altre attività e appuntamenti. Tra questi “Yoga al Parco”, ogni martedì del mese, dalle 19.30 alle 20.30, intrattenimento e relax con lezioni gratuite aperte a tutti. Per partecipare basterà presentarsi alle 19.30 muniti di materassino.

Nicoletta Masetto

Le più lette