Home Veneziano Riviera del Brenta Elezioni comunali a Dolo, è sfida a due

Elezioni comunali a Dolo, è sfida a due

Candidati a sindaco per il centrosinistra il primo cittadino uscente Alberto Polo con la lista “Polo sindaco – Dolo democratica” e per il centrodestra Ivano Michelotto con la lista “Obiettivo comune”

Comune Dolo

Sarà una corsa a due per governare Dolo nei prossimi cinque anni. Il 20 e 21 settembre (in turno unico visto che in base al censimento del 2011 il Comune contava allora meno di 15.000 residenti) si sfideranno solo due liste, dopo che nel 2015 furono ben sette gli schieramenti in lizza. Ai seggi gli elettori dovranno assegnare le proprie preferenze o alla lista di centrosinistra “Polo Sindaco- Dolo Democratica” con candidato sindaco Alberto Polo, sindaco uscente, o quella del centrodestra “Obiettivo comune” che candida a sindaco il leghista Ivano Michelotto. Non si sono presentati “Il Ponte del Dolo” e neppure Il Movimento 5 Stelle che nel 2015 era giunto terzo con quasi il 15% delle preferenze e 1112 voti ottenuti. Le scelte degli elettori di questi due schieramenti, potrebbero indirizzare la contesa, anche se non si esclude che possa esserci una forte percentuale di astensionisti Cinque anni fa i votanti furono 7.934, il 65,45% degli aventi diritto, e fra schede bianche (159) e schede nulle (179), furono il 4,24% coloro che non parteciparono con voti validi.

Candidato Alberto Polo

Alberto Polo si ricandida alla poltrona di sindaco con una lista che porta il suo nome e che presenta alcune novità rispetto alle elezioni del 2015. Pur rimanendo fedele alla sua denominazione di “Dolo democratica”, la lista di candidati che affiancheranno Polo vede la perdita dell’assessore all’ambiente Marina Coin, quello scontato dell’ex assessore alle Politiche Sociali Carlotta Vazzoler da tempo passata all’opposizione e rispetto all’attuale composizione del consiglio anche di Paola Mazzucco e Marco Masi. In compenso compaiono dei candidati che nelle scorse tornate elettorali avevano abbracciato altre sigle, per lo più di centro destra. E’ il caso del noto ristoratore Cristian Minchio, consigliere comunale di maggioranza dal 2010 al 2015 con il sindaco Maddalena Gottardo di area Forza Italia al pari di Cristina Nardo, portavoce del partito e che nelle scorse elezioni avevano partecipato nella lista Dolo è tua con candidato sindaco l’ex assessore ai lavori pubblici del quinquennio Gottardo, Elisabetta Ballin. Sempre nella lista “Dolo è tua” vi era anche Marco Zabotto e nel 2015 ottenne il maggior numero di preferenze fra i candidati. C’è poi Andrea de Lorenzi ex portavoce de Il Ponte del Dolo (la lista ha sottolineato di non appoggiare Polo e che la scelta di De Lorenzi è personale). La lista di centrosinistra a detta degli estessi organizzatori è ringiovanita con la presenza di 7 donne con la presenza dei consiglieri uscenti Chiara Iuliano, Antonio Bonello, Claudio Costantini, Nicola Fracasso e Andrea Zingano, oltre a quelle e dell’assessore Matteo Bellomo, dell’assessore Giorgia Maschera e del vicesindaco Gianluigi Naletto. La lista è composta da: Chiara Iuliano, Simona Arena, Valentina Bergo, Valentina Bettin, Emanuela Lunardi Giorgia Maschera, Cristina Nardo, Matteo Bellomo, Antonio Bonello, Claudio Costantini, Andrea De Lorenzi, Nicola Fracasso, Cristian Minchio, Marco Zabotto, Andrea Zingano e Gianluigi Naletto.

Candidato Ivano Michelotto

Ivano Michelotto si propone quale unico antagonista del sindaco uscente Alberto Polo con la sua lista di centrodestra “Obiettivo comune”, una squadra che ha nella Lega la sua spina dorsale a cui si aggiungono esponenti di Fratelli d’Italia e delle liste civiche Forza Dolo, che comprende parte di esponenti di Forza Italia, e Progetto civico guidato da Carlotta Vazzoler. Proprio l’ex assessora alle Politiche sociali Carlotta Vazzoler (5 anni fa ha concorso nella lista vincitrice risultando seconda per preferenze dopo il vicesindaco Naletto, ed ottenendo ben 172 voti), è l’ingresso più eclatante. Accanto alla Vazzoler, si ripropone il segretario dolese della Lega Mario Vescovi che da 10 anni siede sui banchi del consiglio, prima nella maggioranza, essendo stato eletto nella lista Gottardo, e poi in quello delle opposizioni. Non sarà l’unico portavoce locale di un partito, è presente anche Matteo Gaspari di Fratelli d’Italia. A riprovarci dopo esperienze scorse poco fortunate altri candidati, è il caso di Letizia Boran, assurta anche alle cronache recenti come portavoce del comitato “Le 14 robinie centenarie di Dolo da salvare”, che nel 2015 si presentò nella lista della Lega. Lista che comprendeva anche Carlo Levorato e Paolo Levorato. La lista, inoltre, comprende anche Marco Tosatto e Rossana Boato che nel 2015 erano presenti nella lista “Dolo è tua” con candidato sindaco Elisabetta Ballin. Fra i candidati consiglieri c’è anche il campione di pattinaggio e ciclismo Andrea Ferrini. La lista di “Obiettivo comune” è composta da alcuni giovani e la quota rosa è di 6 donne. Questo l’elenco dei candidati consiglieri: Stefano Berti, Melinda Boato, Rossana Boato, Letizia Boran, Paolo Carraro, Fabio Dei Rossi, Nadia Fanton, Andrea Ferrini, Andrea Furlanetto, Enrico Garbo, Matteo Gaspari, Carlo Levorato, Marina Rizzi, Marco Tosatto, Carlotta Vazzoler, Mario Vescovi.

Le più lette