Home Padovano Montegrotto Terme: “Puntare sulla centralità della famiglia per un autentico rilancio...

Montegrotto Terme: “Puntare sulla centralità della famiglia per un autentico rilancio dell’economia“

Il primo cittadino Riccardo Mortandello guarda allo scenario futuro prossimo nel suo territorio: l’amministrazione deve sostenere nuclei familiari e imprese

Comune di Montegrotto Terme

Lo scenario attuale dentro al quale si inserisce l’emergenza COVID-19 deve essere compreso, valutato e interpretato per stabilire una linea di azioni per superare le criticità sanitarie ed economiche derivanti dalla pandemia planetaria“. A dirlo è il sindaco di Montegrotto Terme Riccardo Mortandello. Che aggiunge spiegando come la città termale da lui guidata stia affrontando il post lockdown.

Le parole del sindaco Rocardo Mortandello

“In una importante rilevazione della Cgia di Mestre (Venezia) emerge che il numero delle pensioni pagate ha superato quest’anno quello degli stipendi. Ecco che quindi emerge una situazione di grande difficoltà in cui versa l’Italia, un Paese che vive purtroppo quasi di sola rendita e che fatica a generare nuova ricchezza“, rileva il primo cittadino sampietrino.

“Un amministratore del territorio, coi piedi ben saldi a terra e nella realtà, deve considerare come priorità massima tutte quelle persone e nuclei famigliari che, a quanto dicono ineluttabilmente i dati, rischiano di non arrivare alla fine del mese se non hanno un nonno o un qualsivoglia parente in casa che possa contribuire con la propria pensione ai bisogni della famiglia o del nucleo famigliare stesso. Tutte le giuste istanze e pressanti sollecitazioni che arrivano quotidianamente agli amministratori del territorio da parte delle categorie economiche locali devono misurarsi rispetto alla prima, più immediata urgenza che è quella del sostegno alle famiglie meno abbienti. Le rilevazioni della Banca d’Italia indicano che le famiglie italiane, mediamente, hanno risorse finanziarie presso gli istituti di credito che le rendono “autonome” per massimo tre mesi. Quindi per quanto riguarda Montegrotto Terme, tre mesi significa impostare delle azioni concrete di sostegno reale per permettere ad alcune famiglie di soddisfare i bisogni primari nei mesi di ottobre e novembre: il prossimo inverno sarà il più duro dal dopoguerra. Sarebbe ipocrita non rilevare la delicatezza di un momento dove ogni amministratore deve impegnarsi a dare fondo a tutte le risorse possibili affinché nessuna famiglia, nessun cittadino sia privo di un sostegno economico con un’attenzione particolare agli anziani e alle famiglie con minori”. Dalla centralità della famiglia si potrà puntare ad un rilancio vero dell’economia di cui le famiglie stesse sono protagoniste principali.

“L’impegno è quindi di stare accanto ai più deboli ed adottare ogni misura che possa garantire innanzitutto di soddisfare, come detto, le esigenze primarie e salvaguardare la salute di sampietrini – dice ancora. – In previsione di questo scenario inquietante, la giunta di Montegrotto Terme oltre a pianificare il futuro sostegno alle famiglie ha stanziato per il terziario, commercianti che operano a Montegrotto Terme, 50.000 euro che saranno erogati agli esercenti sulla base di precisi parametri che valuteranno le singole situazioni economiche e i periodi di inattività. Inoltre, in linea con quanto concordato nelle sedi di concertazione dell’OGD (la destinazione turistica ampia Terme e Colli Euganei) e sulla base di operazioni concordate e misurabili abbiamo pianificato ulteriori 50.000 euro come contributo di Montegrotto Terme ad azioni di sostegno al marketing promozionale turistico”.

Federico Franchin