Home Padovano Conselvano Sfida a tre per la nuova amministrazione di Bovolenta

Sfida a tre per la nuova amministrazione di Bovolenta

Sarà una avvincente sfida a tre per la poltrona di sindaco a Bovolenta. Il primo cittadino uscente Anna Pittarello, 44 anni, scommette sul secondo mandato, alla guida di “Bovolenta Viva” la compagine civica con la quale ha raggiunto la vittoria nel 2015

Bovolenta

A sfidare il sindaco uscente del Comune di Bovolenta ci sono altre due liste civiche che sostengono le candidature di due consiglieri uscenti. Emiliano Baessato,42 anni, già vicesindaco con la precedente amministrazione e ora all’opposizione, si candida a sindaco con la lista “Voltiamo pagina” che gode anche dell’appoggio di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Viene dall’esperienza consiliare anche Matteo Griggio, 31 anni, alla guida del gruppo civico “SìAmo Bovolenta”, nato da un intenso dibattito degli ultimi mesi intorno ai principali temi che riguardano il paese. Fra i candidati consiglieri diversi amministratori e componenti dell’attuale consiglio ma anche parecchi volti nuovi.

Emiliano Baessato “E’ ora di dare una svolta”

l nome della lista è un deciso invito: “Voltiamo pagina”. Così Emiliano Baessato si presenta agli elettori a capo di una lista civica che gode anche dell’appoggio ufficiale del centrodestra, Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. “Il centrodestra ha confermato il suo sostegno, – spiega Baessato – il nostro è comunque un gruppo aperto a tutti i cittadini e le forze che si riconoscono nel nostro programma. Riteniamo che per Bovolenta sia giunto il tempo di dare una svolta. Noi crediamo che il compito di un buon amministratore pubblico non sia di risparmiare bensì di spendere bene i soldi dei cittadini. Se il Comune non li sa spendere bene allora deve abbassare le tasse e lasciare quei soldi nelle tasche della gente”. Noi siamo per un Comune amico sul quale poter contare. In questi tempi difficili serve un ente che metta in campo fondi e organizzi servizi in aiuto alle famiglie con figli e alle persone anziane”. Tra i temi più dibattuti spicca senz’altro la viabilità con la costruzione della nuova bretella nord. “Siamo contrari a questa soluzione e e proponiamo la realizzazione di una strada nuova fuori dal centro abitato che colleghi via San Gabriele con via Padova. Il tracciato attuale invece è una strada pensata male, con un saliscendi ridicolo ai nostri tempi, non può avere alcuna possibilità di sviluppo futuro. Se Bovolenta vuole crescere, dobbiamo avere la forza di portare a casa una strada moderna e pronta per le necessità future”. Spicca poi la necessità di dotare il paese di un centro civico

Anna Pittarello “Abbiamo lavorato bene”

Anna Pittarello scommette sul secondo mandato, sottolineando i risultati ottenuti. “Sono stati cinque anni intensi, di duro lavoro e impegno- afferma il sindaco uscente – molto è stato fatto per il nostro Comune ma sono consapevole che molto rimane ancora da fare. La mia squadra lavorerà in continuità con quanto fatto finora, con la convinzione che alcuni importanti progetti già avviati siano prioritari, primo fra tutti la bretella”. Il sindaco in questi anni ha sostenuto con determinazione l’opera, trovando un accordo con la provincia per un intervento da 2,7 milioni di euro che ora attende l’ultima fase di progettazione e, naturalmente, la disponibilità dei fondi. Per il sindaco uscente si tratta di una priorità, insieme, per restare sul fronte delle opere pubbliche, all’ampliamento dei parcheggi nella zona scuola e palestra, alla rigenerazione urbana senza consumo di suolo con la riqualificazione dell’aera di via Berto vicino alla zona industriale e alla creazione di un anello ciclabile collegato con i Comuni vicini. Per i servizi al cittadino “Bovolenta Viva” vuole realizzare un’alta studio e smart working, potenziare il punto prelievi convenzionato con l’Uls, implementare l’attività musicale nelle aule della scuola media. “Per continuare a migliorare la qualità della vita – aggiunge Pittarello – installeremo un chiosco nel parco Salvo D’Acquisto mentre per il sociale apriremo un centro diurno e introdurremo nuove agevolazioni per le fasce deboli, compresi il bonus bebè da 400 euro per ogni famiglia residente e le borse di studio”.

Matteo Griggio “E ora spazio alle idee”

Proponiamo una lista nuova, giovane, che ha voglia di mettersi a disposizione per rilanciare il nostro territorio con il desiderio di poter affermare che “non si è mai troppo piccoli per pensare in grande” e che a Bovolenta meritiamo di poter pensare in grande, insieme”. Così Matteo Griggio si presenta alla guida della lista civica “SìAmo Bovolenta”. Dopo tre anni tra i banchi dell’opposizione Griggio, laureato in economia e impiegato amministrativo, ha avviato un progetto civico sfociato in un corposo e dettagliato programma elettorale. “Abbiamo capito che Bovolenta è una comunità bella, – continua – ma che ha bisogno di essere “ricucita”, a partire dai suoi elementi più fragili (bambini, anziani, persone con disabilità), con l’aiuto di tutte le forze del territorio (scuola, associazioni, società sportive, parrocchie) perché solo una comunità in cui vivono bene tutti è un paese che può crescere e svilupparsi. Il nostro è un progetto che non nasce “contro” qualcuno, ma “per” e “con” i cittadini, convinti che Bovolenta abbia un grande potenziale sotto molti punti di vista che è necessario valorizzare. Il nostro gruppo punta sulle persone e sul loro desiderio di spendersi per la propria comunità, al di là dell’appartenenza politica e dei partiti, ma che comunque in tutti i partiti maggiori ha interlocutori di rilievo, perché tutta la rete territoriale deve essere protagonista, con responsabilità, di questo cambiamento”. Il programma elettorale è il frutto di un lungo dialogo con la cittadinanza.

Le più lette