Home Veneziano Provinciale Venezia, no all'inceneritore: manifestazioni e incontri

Venezia, no all’inceneritore: manifestazioni e incontri

No all’inceneritore di Marghera: oggi un gruppo di attivisti contro il cambiamento climatico ne ha bloccato l’accesso. L’iniziativa è all’interno di un programma di incontri e assemblee sulla salvaguardia dell’ambiente

Si è tenuto oggi il blocco dell’accesso all’inceneritore di Venezia da parte di attivisti contro il cambiamento climatico raccolti a Marghera presso il Venice Climate Camp.

Alle 8.30 di questa mattina più di cento persone si sono posizionate davanti al varco d’accesso all’impianto di incenerimento gestito da Veritas presso Fusina, zona periferica di Marghera che accoglie anche la centrale Enel Palladio, già occupata lo scorso febbraio. L’iniziativa è partita dal campeggio climatico, e coglie più contraddizioni, dicono gli attivisti: non solo la scelta di allargare un sito inquinante, ma anche la narrazione dell’impianto come infrastruttura sostenibile contro la devastazione ambientale e contro ogni politica che mira a mettere in secondo piano la salute e la salvaguardia dell’ambiente.

L’iniziativa: non solo manifestazioni

Nel veneziano è attiva da molto tempo una campagna contro l’allargamento dell’impianto, questa iniziativa allarga però lo sguardo indicando l’impianto di Marghera come un tassello della distruzione del Pianeta operata dal modello di crescita economica dominante.

Il Venice climate camp, alla seconda edizione accolta dal Centro Sociale Rivolta, proseguirà con incontri di approfindimento ed assemblee per terminare sabato con un meeting che chiama a raccolta i movimenti sociali per tracciare le linee di un’azione dal basso da contrapporre alla sordità delle istituzioni ed alle logiche di partito che antepongono le convergenze economiche alla salvaguardia dell’ambiente ed alla promozione dell’economia circolare.

L’inceneritore Veritas rappresenta bene questo schema: nessuna forza politica ha messo in dubbio la sua realizzazione, il Governo Conte ha più volte ignorato le richieste di incontro avanzate dai comitati. Una decina di automezzi carichi di rifiuti è fermo lungo la strada di accesso.