Home Padovano Conselvano Cartura: cinquant’anni per la crescita di generazioni di bambini

Cartura: cinquant’anni per la crescita di generazioni di bambini

In primavera la scuola dell’infanzia Giovanni XXIII non ha potuto festeggiare il cinquantesimo compleanno ma il momento più gradito è arrivato con la ripresa dell’attività

Cartura

Ma alla fine riaccogliere a settembre i bambini dopo mesi di quarantena è stato il regalo più bello che potesse ricevere. L’anniversario del mezzo secolo di vita doveva essere festeggiato in maggio, ma a causa della pandemia non è stato possibile organizzare alcun evento celebrativo. Alcune mamme, tuttavia, non si sono date per vinte e il 26 maggio hanno decorato la ringhiera della scuola e del nido integrato con palloncini colorati riportanti i nomi dei bimbi frequentanti la struttura.

Sul cancello è stata appesa anche una poesia di ringraziamento a quanti, parroco don Giuseppe Sinigaglia, insegnanti, educatrici, operatrici si prodigano per garantire un servizio a cui i cittadini di Cartura sono molto legati. Generazioni di carturani sono passati per questa scuola, costruita su iniziativa dell’allora parroco don Alessandro Serraglio con il contributo di tutta la comunità.

“Una comunità unita che nell’arco di tutti questi anni ha dimostrato grande attaccamento a questa Istituzione, anche quando sono stati necessari interventi di ristrutturazione, di ammodernamento e di ampliamento – rimarca il consiglio pastorale parrocchiale – Sin da subito si è distinta, anche rispetto al territorio circostante, come un’eccellenza assoluta sotto il profilo didattico e pedagogico, portando avanti un’offerta formativa sempre attenta, puntuale e adeguata ai tempi, conforme alle esigenze di crescita dei bambini”.

Non è esagerato dire che Cartura è orgogliosa della sua scuola. “Stiamo vivendo un tempo segnato dall’emergenza sanitaria – conclude il consiglio pastorale – che ci ha fatto scoprire di essere tutti più deboli e per certi versi indifesi, grazie alla nostra scuola troviamo nuova energia e forza di ripresa poiché abbiamo il compito di avere cura dei nostri bambini che rappresentano il patrimonio più importante da salvaguardare per il futuro”.

Francesco Sturaro

Le più lette