Home Padovano Bassa Padovana Investimento sulla sicurezza a Este

Investimento sulla sicurezza a Este

Este punta sulla sicurezza. Conti alla mano, il Comune ha investito 258mila euro negli ultimi tre anni tanto che la città può contare su 92 punti di ripresa tra lettori targhe e telecamere di videosorveglianza, un drone in uso alla polizia locale, body-cam per gli agenti e un’unità cinofila

Il sindaco Gallana con il comandante della polizia locale Mighela, l’unità cinofila e un agente

A fornire i numeri sulla sicurezza è la stessa sindaca di Este Roberta Gallana, evidenziando che le forze dell’ordine garantiscono un monitoraggio costante in tutta la città, in particolare nelle aree di parcheggio pubblico.

Le parole del sindaco di Este

“Gli agenti di polizia locale sono dotati di strumentazione all’avanguardia che permette di migliorare notevolmente la prevenzione di furti e illeciti” – assicura la prima cittadina. Un alleato prezioso è il nuovo sistema integrato di videosorveglianza di ultima generazione di cui il Comune si è dotato grazie ai contributi regionali. È esteso anche alle frazioni e comprende telecamere, lettori targhe e fototrappole. In totale, i punti gestiti dalla sala operativa della polizia locale del distretto Saple sono 102, di cui 92 a Este. Per migliorare ulteriormente il sistema è iniziato il cablaggio in fibra ottica che permette la trasmissione via wireless di dati e immagini, guadagnandoci in quantità e qualità.

“Nel parcheggio comunale di viaPrincipe Umberto questa tecnologia è già attiva, con 15 punti di ripresa e 2 lettori targhe – spiega il vicesindaco Aurelio Puato –. Compatibilmente con le risorse disponibili è in programma l’implementazione del sistema anche in altre zone scoperte, come il parcheggio Alessi e la zona del cimitero”.

“Dal 2018 la polizia locale ha anche il prezioso ausilio dell’unità cinofila” ricorda la sindaca riferendosi all’agente Achille, il rottweiler addestrato per la difesa, la ricerca di droga e di persone scomparse. Anche se sull’effettiva utilità del cane poliziotto alcune minoranze continuano tuttora a nutrire un forte scetticismo. La dotazione dei vigili urbani comprende anche un drone, acquistato a inizio anno e particolarmente utile per monitorare fenomeni come l’abbandono di rifiuti e gli abusi edilizi, oltre che per individuare eventuali assembramenti durante l’emergenza Covid. Da ultimo l’amministrazione ha acquistato una body-cam per ciascun agente. Si tratta di una telecamera da appuntare alla divisa per filmare gli interventi.

“La sicurezza per noi è una priorità da garantire anche con strumenti di prevenzione”, conclude la sindaca.

Maria Elena Pattaro

Le più lette