Home Veneziano Riviera del Brenta Mira: “Sono in aumento le violenze di genere”

Mira: “Sono in aumento le violenze di genere”

I dati non sono buoni e il sentore c’era stato già durante il periodo del lockdown quando le persone erano obbligatoriamente confinate in casa a causa del covid 10 cioè fra l’ inizio dello scorso marzo e inizio maggio: sono in aumento le segnalazioni di violenza di genere

Violenza

Sono aumentate così dati alla mano, di quasi il 30 % nell’ultimo anno le donne del comprensorio seguite dal Centro Antiviolenza della Riviera del Brenta che ha sede a Mira. Sono dagli ultimi dati a disposizione 72, mentre erano poco più di una cinquantina nei 12 mesi precedenti. E i dati dei mesi precedenti già dipingevano un quadro preciso. Dall’analisi dei dati forniti lo scorso anno dal Centro anti violenza della Riviera del Brenta, si è visto infatti che il 36% di chi si è rivolto al centro ha denunciato violenze fisiche, il 29% psicologiche, il 27% economiche, il 6% stalking e il 2% sessuali. Il 72% subisce più forme di violenza mentre il 29% un solo tipo. Il responsabile? In quasi l’80% dei casi il marito o il fidanzato.

Solo nell’1% dei casi si tratta di sconosciuti. A fare il punto sulla situazione attuale è comunque l’assessora alle politiche sociali del Comune di Mira Chiara Poppi. Secondo il Comune di Mira nel corso dell’ultimo anno, le donne seguite dal Centro Antiviolenza della Riviera del Brenta che è di riferimento per i 10 comuni dell’area, sono aumentate. Dall’inizio dell’emergenza sono arrivate 25 nuove richieste di ascolto e supporto psicologico.

Le parole dell’assessore Poppi

“Sono dati che purtroppo – spiega l’assessore Poppi si dimostrano in aumento e che indicano il fatto che non va abbassata l’attenzione verso questo fenomeno, dato che le tensioni sociali di questo periodo può far aumentare le violenze soprattutto all’interno delle mura domestiche”.

E a certificarlo sono le continue operazioni e azioni e disposizioni contro la violenza di genere, messe in atto nel territorio in questi mesi da forze dell’ordine e magistratura, con arresti, allontanamenti e condanne dei violenti. Per il Comune di Mira si dimostra come sia necessario lavorare in rete con tutti i Comuni della Riviera del Brenta affinché non solo venga mantenuto il servizio, ma venga data una possibilità a tutte le donne che sono in queste difficoltà a prescindere dal Comune di appartenenza. L’assessora poi annuncia una novità: questo mese sarà anche istituto un tavolo intercomunale per le pari opportunità- per tutta la Riviera.

Le più lette