Home Padovano Montegrotto Terme: trentamila euro di buoni shopping per far ripartire l’economia

Montegrotto Terme: trentamila euro di buoni shopping per far ripartire l’economia

Il progetto Cescot Veneto a cui ha aderito anche l’amministrazione sampietrina mira ad immettere velocemente liquidità nel territorio

Montegrotto Terme

Ridare fiato agli esercizi che sono rimasti chiusi durante il lockdown incentivando i cittadini, in particolare le famiglie con figli, ad andare al ristorante, in pizzeria, dal parrucchiere, a comprare un vestito nuovo o un paio di scarpe attraverso buoni shopping finanziati dal Comune. È il progetto di Cescot Veneto, a cui ha aderito l’amministrazione sampietrina, che è stato presentato agli esercenti dall’assessore al Commercio e dal sindaco.

Le parole dell’amministrazione sanpietrina

“Il Comune – spiega l’assessore al Commercio Laura Zanotto – emetterà buoni shopping per un valore di 30 mila euro destinati alle famiglie con figli minorenni. È un modo per immettere velocemente liquidità nel nostro territorio. Siamo convinti che questo potrà essere un valido mezzo per aiutare la ripresa dell’economia, perché incentiverà gli utenti a servirsi degli esercizi commerciali locali e perché il valore del buono richiederà un’integrazione della spesa da parte dalle famiglie con un effetto volano”.

I buoni saranno spendibili negli esercizi che aderiranno al progetto tra ristoranti, pizzerie, negozi di abbigliamento, di calzature, parrucchieri ed estetisti mentre saranno esclusi negozi di alimentari, tabaccherie, edicole e tutte le altre tipologie che non sono state costrette a chiudere durante il lockdown. Con Appe, Cna, Upa, Ascom, Confesercenti e Cescot è stato discusso il progetto e assieme è stato deciso il pubblico a cui rivolgersi. E’ stato presentato ai commercianti e ai pubblici esercizi. E’ stato anche stato presentato il nuovo manager del distretto del Commercio, Giovanni Fontana, che ha spiegato gli obiettivi del distretto e raccolto le opinioni dei presenti.

“Gli interventi come voucher ed esenzioni – spiega il sindaco Riccardo Mortandello – che abbiamo fatto nei mesi scorsi, quelli in corso e gli altri che abbiamo in programma per sostenere il commercio e i pubblici esercizi locali, fanno parte di una strategia del Comune di immissione di liquidità nel tessuto economico locale per aumentare la capacità di spesa della famiglie. Nel 2021 avremo a disposizione fondi europei per progetti importanti. Il nostro obiettivo ora è arrivare a quel momento senza perdere pezzi per strada, per questo motivo stiamo varando queste misure anche se certo non è facile con gli strumenti di un’Amministrazione comunale e con un bilancio cui sono venute meno molte entrate. Speriamo che Governo e Regione ci sostengano in questo percorso. Dobbiamo arrivare al 2021 pronti e in questo senso vedo molto positivamente il rapporto che si è instaurato con il nuovo manager del distretto del commercio e ringrazio Cescot Veneto per il progetto che ci ha presentato. Importante sarà anche evitare frammentazioni al nostro interno in modo da essere più veloci e più competitivi di altri territori”. “L’architetto Fontana – spiega l’assessore – è una figura competente che collabora con alcuni distretti lombardi e che è già manager a San Bonifacio. Entrambi concordiamo sulla collaborazione attiva tra il distretto del commercio e l’Ogd Terme e Colli euganei per poter arrivare a risultati concreti”.