Home Padovano Padova Est Noventa Padovana: aria a prova di Covid

Noventa Padovana: aria a prova di Covid

La Casa di Riposo di Noventa Padovana ha un nuovo, avanguardistico impianto di sanificazione dell’aria a prova di Covid

La casa di riposo di Noventa Padovana è la prima in Italia a dotarsi di un avanzatissimo impianto di sanificazione dell’aria attraverso il plasma freddo che distrugge virus e agenti patogeni. Saranno oltre un centinaio i punti di sanificazione installati in tutta la struttura in via Roma.

“La pandemia ha stravolto le abitudini di tutti – spiega il presidente Denis Cacciatori – e sappiamo quanto abbia colpito le strutture per anziani. Per questo motivo continuiamo a puntare sulle nuove tecnologie. Abbiamo 96 ospiti e finora non abbiamo avuto casi di Covid, vogliamo procedere su questa strada”.

La scommessa Jonix

Da queste premesse la scelta di scommettere su Jonix, azienda padovana specializzata nella sanificazione dell’aria: già nel 2018, infatti, quando ancora non esisteva la minaccia del Coronavirus erano stati installati i primi sanificatori.

“L’intento iniziale era quello di abbattere il cattivo odore, – ricorda Cacciatori – ma ci siamo accorti di quanto fosse importante la sanificazione interna degli ambienti: nel solo semestre invernale abbiamo registrato un calo del 30% nelle ore di malattia del personale. Un ottimo risultato per la salute, prima di tutto, ma anche un ritorno economico: in quei sei mesi abbiamo risparmiato così 20mila euro. E il nostro spirito rimane quello di investire quanto riusciamo a mettere da parte, rendendo così continuo il percorso di miglioramento”.

Uno studio pubblicato nel 2019 da ricercatori dell’Università del Michigan ha dimostrato come la tecnologia installata a Noventa sia in grado di distruggere il 99,9% degli agenti patogeni inclusi i virus aerotrasportati.

“La pandemia ha fatto sì che aumentasse la coscienza dell’importanza di avere aria pulita, anche negli ambienti interni – spiega Mina Bustreo, direttrice commerciale e marketing dell’azienda – Per questo motivo va riconosciuto alla governance della Casa di Riposo di Noventa di averne capito l’essenzialità già in tempi non sospetti”.

Elena Callegaro

Le più lette