Home Padovano Padova Est Noventa Padovana: locale senza slot machine? Tari agevolata

Noventa Padovana: locale senza slot machine? Tari agevolata

Tari agevolata per chi rinuncia alle slot machine, il Comune ha inoltre stanziato 40mila euro per venire incontro alle attività penalizzate dal lungo lockdown: riduzioni dal 14 al 21% sul tributo

Tari agevolata nei locali senza slot machine
Tari agevolata nei locali senza slot machine

Tari agevolata per tutte le utenze non domestiche, vale a dire ad esempio bar o tabaccherie, che saranno disposte ad eliminare dai propri locali, e per almeno tre anni, le slot-machine. E’ la nuova iniziativa del Comune di Noventa da anni ormai impegnato sul fronte della prevenzione e del contrasto alla ludopatia.

Con una modifica al regolamento Tari 2020 è stata infatti infatti introdotta la possibilità di ottenere riduzioni del 25% sulla parte variabile del tributo in favore di quei bar, caffè, pasticcerie, trattorie, pizzerie, edicole o tabaccherie che si impegnano a disinstallare completamente gli apparecchi da gioco dalle loro attività per un periodo non inferiore ai 3 anni.

Agevolazione: a chi è concessa

L’agevolazione è concessa dietro presentazione di una dichiarazione che dovrà essere consegnata in Comune corredata da tutta la documentazione idonea ad attestare l’avvenuta rimozione. Va da sé che se nel corso dei tre anni le “macchinette” dovessero rispuntare e tornare in funzione allora il diritto allo sgravio sulla tassa rifiuti verrà automaticamente meno. Si tratta di un incentivo non indifferente dal punto di vista economico, ma soprattutto anche di un appello rivolto agli esercenti “a mettersi una mano sulla coscienza”: i guadagni saranno minori, ma in cambio non si rischia di rovinare la vita alle persone più fragili che possono cadere nella trappola di scommettere tutti i loro risparmi tutto alla ricerca della vincita da sogno.

“Priorità alla prevenzione e al sostegno delle attività”

“Anche se nella nostra Provincia non siamo certo un Comune maglia nera per quanto riguarda il numero di slot presenti sul territorio noi ci teniamo molto e abbiamo sempre dato priorità a tutti gli interventi che possono prevenire la dipendenza da gioco d’azzardo tra la popolazione- spiega l’assessore alla Sicurezza e ai Tributi e Riscossione, Silvia Bernardo. Sul versante degli aiuti post Covid invece, il Comune è riuscito a stanziare oltre 40mila euro che consentiranno di ridurre dal 14 al 21% la Tari alle utenze non domestiche particolarmente penalizzate durante il periodo del lockdown.

“Considerati i risparmi per le tante manifestazioni che abbiamo dovuto annullare – continua l’assessore Bernardo – abbiamo studiato una redistribuzione delle risorse che ci ha permesso di venire ulteriormente incontro alle attività che erano state colpite dall’emergenza. Senza contare che il nostro Comune non ha applicato quest’anno alcun aumento né sulla Tari nè sull’Imu”.

Elena Callegaro

Le più lette