Home Padovano Padova Padova: Laura De Marco, il talento delle siepi

Padova: Laura De Marco, il talento delle siepi

La promessa padovana di Assindustria è stata scelta dal team Adidas come volto dell’atletica tricolore giovanile. Intanto, dopo un anno tra stop e infortuni, si prepara ai prossimi appuntamenti indoor

Laura de Marco

Ventidue anni il 20 settembre, Laura De Marco è una delle giovani promesse dell’atletica nazionale. Come per molti, gli esordi avvengono nel cross, poi arrivano 800, 1500 e 3000 siepi. Alta 1,77, 58 kg di peso, Laura è una ragazza dolce, tranquilla e determinata.

La campionessa scelta da Adidas

“Ho iniziat

o in ambito scolastico, alle medie, complice l’invito di un’amica, prima avevo praticato danza. I primi risultati mi hanno spinto a provare anche su pista. È stata una sorta di costruzione, gara dopo gara, lunghezza dopo lunghezza. Del resto è nella mia natura, ancor più nello sport, sognare ma mai troppo in grande, alzare l’asticella, ma mai senza aver calibrato i miei limiti e le mie forze”. Adidas l’ha scelta nel suo team come volto dell’atletica giovane anche per campagne ambientali.

“È un grande onore, cercherò di essere sempre all’altezza”. La specialità dell’atleta di Assindustria sono i 3000 siepi, una delle discipline olimpiche più antiche e tra le più dure. “La fatica? Non mi ha mai spaventato, anzi mi spinge ad andare più forte. Purtroppo non è stato un anno facile. Lo scorso novembre scorso ho avuto una microfrattura al piede sinistro: ora sto recuperando, ma non devo avere fretta. Il mio obiettivo? Per ora i Campionati italiani indoor. Europei? Mondiali? Troppo presto per dire, e poi sono scaramantica. Le mie caratteristiche? In genere parto in sordina, per non dire quasi “imbambolata; poi, però, recupero alla grande nello sprint finale. Credo dipenda dal fatto che sono tranquilla e non mi perdo mai d’animo”.

Laura ha una sorella gemella, Lisa, e una più grande Sofia che vive a Londra. “Lo scorso anno mi sono trasferita a Varese – racconta – dove mi sono iscritta a Economia all’Università dell’Insubria, ateneo nel quale noi atleti selezionati per il College del mezzofondo abbiamo la possibilità di portare avanti l’attività sportiva senza abbandonare il percorso di studi. Con il lockdown, però, sono rientrata a Padova. Dopo un anno vissuto fuori casa, è stato bello tornare in famiglia. Com’è andata? Ho comprato un tapis roulant e …ho cucinato tantissimo. La sfida ai fornelli? Con papà Cristiano, davvero un numero 1. Io, però, sono imbattibile nelle torte al cioccolato e nella parmigiana. Le ricette? Top secret”.

Qualche hobby? “Mi piace stare con le amiche, per lo più atlete come me. Amo guardare lo sport in tv, ovviamente atletica e nuoto, e leggere, in questo periodo libri di psicologia”. Difetti? “Il disordine… dicono”. Mamma Rita ci guarda e sorride “Confermo! Al 100 per 1000”. Nicoletta Masetto