Home Cucina Padova: Novembre PataVino, cultura, vini e territorio

Padova: Novembre PataVino, cultura, vini e territorio

Torna anche quest’anno l’evento enogastronomico Novembre PataVino

Nonostante le restrizioni imposte agli eventi culturali, Novembre PataVino è giunto alla sua settima edizione. Un progetto nato nel 2014 per raccontare la città attraverso le sue eccellenze culturali ed enogastronomiche. La rassegna è stata ideata dall’associazione culturale Veneto Suoni e Sapori e promossa dal Comune di Padova Assessorato alla Cultura e Assessorato alle attività produttive e commercio.

Dal 4 Novembre fino a Natale parte il progetto Novembre Patavino. Un lungo viaggio tra parole, musica, immagini e video per offrire alla comunità momenti di incontro ed intrattenimento e al tempo stesso occasioni per degustare i vini e i prodotti tipici del territorio.

Riportiamo le parole di Andrea Colasio, assessore alla cultura del Comune di Padova:“Si tratta di un evento molto atteso, un programma coinvolgente che contribuisce allo sviluppo del territorio in tutte le sue forme.
È un modo intelligente di mettere insieme cultura ed enogastronomia, ponendo l’attenzione alle realtà territoriali che creano prodotti considerati dei veri e propri gioielli culinari. L’obiettivo è quello di mettere assieme il commercio e la bellezza culturale ed alimentare.”

Antonio Bressa, assessore alle attività produttive e commercio del Comune di Padova aggiunge: “Penso che alla luce di quanto stia accadendo alle attività commerciali, l’azione di Novembre PataVino possa essere fondamentale. Ci vuole attenzione al nostro territorio, supportando la promozione delle nostre attività.
In questo periodo di pandemia cambieremo molte delle nostre abitudini, i negozi però sono aperti e bisogna assolutamente promuoverli. Le nostre attività offrono prodotti di eccellenza, sviluppando anche modalità nuove, come il domicilio.
Non possiamo permetterci che qualcuno abbassi la serranda.
Per questo l’amministrazione ce ed è in campo per offrire uno strumento utile a dare sostegno e ad accendere i riflettori verso queste realtà.”

Il progetto sarà diviso in format differenti:

Il primo: Parole e Musica dedicherà ampio spazio agli artisti del territorio attraverso presentazioni di libri, spettacoli e musica dal vivo. Scrittori di fama nazionale ed internazionale presenteranno le loro nuove uscite, sostenendo i librai in previsione anche del periodo natalizio. La musica dal vivo sarà presente nei luoghi di spesa con esibizioni di artisti al mercato Sotto il Salone e Mercato Coperto Km Zero della Coldiretti, offriranno accompagnamento musicale durante gli acquisti. Per gli spettacoli ci saranno alcuni appuntamenti come l’incontro con David Parenzo e il suo monologo: “Ebreo!”

Il secondo format: Territorio DiVino, porrà l’attenzione sul settore vitivinicolo attraverso due iniziative in diretta streaming organizzate in collaborazione con Promex: la prima, sarà venerdì 20 novembre alle 17, intitolata La nuova sfida del settore vitivinicolo: innovazione e multicanalità, driver per la promozione nei mercati internazionali e tratterà l’impatto del Covid-19 sul settore vitivinicolo in Italia. La seconda sabato 20 novembre alle 16, vedrà protagonisti Stefano Polato, chef padovano, e Camilla Raznovich, conduttrice televisiva di successo. I due dialogheranno sul tema del vino come veicolo di promozione territoriale.

Il terzo, Sapori mestieri e tradizioni, proporrà una serie di menù a tema e degustazioni per valorizzare la tipicità del territorio e coinvolgere il pubblico in esperienze enogastronomiche. Tra i protagonisti ci sono: Pastasuta, situato sotto il salone che organizzerà due domeniche dedicate alla visita guidata di Palazzo della Ragione seguita dalla degustazione di pasta abbinata ai vini della cantina Quota 101 di Torreglia. Altri protagonisti come Il Pedrocchi, che organizzerà dei brunch, la Cicchetteria Raixe che proporrà abbinamenti tra la cucina cinese e i vini tipici dei Colli Euganei. Il Simon’s Bistrot nel quartiere Santa Rita che proporrà un evento speciale dedicato alle cozze di Pellestrina.