Home Padovano Padova Est Ponte San Nicolò: scuole in ordine per tutto l’anno grazie ai numerosi...

Ponte San Nicolò: scuole in ordine per tutto l’anno grazie ai numerosi cantieri

Il sindaco Martino Schiavon illustra anche le modifiche viarie. Alle elementari Marconi di Roncaglia c’è il divieto di sosta in via Medici

Cantieri

Rientro a scuola di successo per gli alunni di Ponte San Nicolò, accolti a braccia aperte dagli insegnanti e dal nuovo dirigente scolastico Simone Bariso.

Le parole del sindaco Schiavon

“Siamo riusciti a far sì che la scuola partisse in modo egregio – dice soddisfatto il sindaco Martino Schiavon. I miei più sentiti ringraziamenti vanno a tutto il personale scolastico, docente e non, ai volontari della protezione civile e a tutti i dipendenti del Comune, che in questi mesi hanno dimostrato grande disponibilità e preparazione. Abbiamo istituito delle “aree filtro” all’ingresso, dove i genitori assieme ai figli aspettano la maestra per entrare . Siamo riusciti a mantenere l’orario di entrata e di uscita abituale in tutti gli istituti”. Affinché entrata e uscita avvengano in sicurezza, la giunta ha stabilito alcune variazioni alla viabilità nei pressi degli istituti. Alle elementari Giuliani a Ponte, dalle 7.30-8.30 e 12.45-13.15 da lunedì a venerdì (martedì anche 15.30-16.15), via Firenze nel tratto compreso tra via Giorato e via Venezia è chiusa al traffico, e vige il divieto di sosta nel lato est del parcheggio di piazza Don Mario Nicolè. Alle elementari Marconi di Roncaglia nelle stesse fasce orarie c’è divieto di sosta nel parcheggio di via Medici e senso unico in via Medici con direzione est-ovest. A Rio è attivo il divieto di sosta nel parcheggio davanti alle elementari Battisti, da lunedì a venerdì dalle 7.30-8.30, 12.45-13.15 e 15.30- 16.15. Infine le medie: dalle 7.45 alle 8.30, a Roncaglia un tratto di via Sansovino è chiuso al traffico e non si può sostare nel parcheggio in fondo a Via Pascoli; a Ponte, divieto di sosta nel parcheggio di Via Don Orione (parte sud).

È stata un’estate di lavoro e di lavori: “Abbiamo speso circa 100 mila euro per lavori interni alle scuole – prosegue il primo cittadino – creando nuove aule per garantire il distanziamento e lo svolgimento in sicurezza delle lezioni. Allo stesso tempo, i lavori hanno consentito di evitare lo smembramento delle classi, che era uno dei nostri obiettivi primari. Anche il servizio mensa è stato mantenuto, attraverso l’utilizzo delle monoporzioni. In alcune scuole abbiamo approfittato degli interventi in atto per ultimare pure dei lavori di messa in sicurezza statica. Siamo riusciti a completare il tutto in tempo. Abbiamo ricevuto ottimi riscontri dai genitori degli alunni”. Ciliegina sulla torta, lo spostamento delle urne per le elezioni di settembre fuori dai plessi: “Abbiamo distribuito i seggi in altri edifici – spiega Schiavon – anche all’interno dei tre patronati parrocchiali”. Carlo Romeo

Le più lette