Home Padovano Padova Pontevigodarzere: gli abitanti raccontano il quartiere che verrà

Pontevigodarzere: gli abitanti raccontano il quartiere che verrà

Viaggio tra voci e immagini di Pontevigodarzere raccolte in un libro “cartonero”: il racconto degli abitanti

Pontevigodarzere: com’è cambiato il quartiere in questi decenni? Quali risorse e quali visioni per il futuro? A dare una risposta a questi interrogativi ci ha provato, per una volta, un libro. Ma non un libro qualsiasi. Dentro ogni pagina, foto, parola c’è il lavoro e l’amore per il proprio quartiere di chi a Pontevigodarzere ci vive, a cominciare dai più piccoli e dai ragazzi. La presentazione di “Pontevigodarzere. Viaggio tra le voci e le immagini degli abitanti sul quartiere che verrà” è stata l’occasione per rimettere al centro passato, presente e futuro dell’intera zona. All’incontro, moderato da Roberta Polese, oltre a tanti cittadini, c’erano anche gli assessori comunali Francesca Benciolini e Diego Bonavina.

“Pontevigodarzere non è abbandonato”, ha ribadito Benciolini. “Lo sport e l’attività ricreativa sociale-culturale – le ha fatto eco Bonavina – possano essere dei modi per riappropriarci del nostro quartiere”. Non è, allora, un caso che uno dei primi passi sia stata la riapertura della piastra polisportiva ubicata tra il giardino della scuola media Copernico e il Parco Cortivo, chiusa da anni perché non in sicurezza. Bonavina ha, poi, annunciato la prossima apertura della palestra Bettini e la ristrutturazione dell’impianto di Pontevigodarzere.

Il libro

Protagonista indiscusso il libro “cartonero”, realizzato con il contributo del Comune e della Fondazione Cariparo. Racconta il quartiere attraverso un reportage scritto dal giornalista Gianni Belloni, le fotografie scattate dagli studenti della scuola media Copernico che hanno partecipato a un workshop fotografico curato da Mara Scampoli e i disegni dei bambini della scuola Deledda, grazie al lavoro svolto con gli insegnanti e gli esperti Diego Di Masi e Alessio Surian.

La pubblicazione, che fa parte del progetto “Padova Città Policentrica”, è frutto di mesi di interviste tra gli abitanti del quartiere. Durante la presentazione, organizzata da LIES – Laboratorio dell’Inchiesta Economica e Sociale, Pangea Libreria e Rete Progetti, è stato possibile ammirare le foto del quartiere scattate dai ragazzi.

Nicoletta Masetto