Home Rodigino Rovigo: commercio e sicurezza, si cambia

Rovigo: commercio e sicurezza, si cambia

Il nuovo membro della giunta Gaffeo, Patrizio Bernardinello, si dice pronto a prestare attenzione a questioni spesso trascurate in passato: “La mia porta è sempre aperta”

Patrizio Bernardinello

A quasi un anno e mezzo dal suo insediamento, la giunta Gaffeo si è ulteriormente allargata con l’arrivo di un nuovo assessore. Si tratta di Patrizio Bernardinello, esponente del PD di Rovigo e per 30 anni in forza alla polizia stradale, a cui spetta il compito di occuparsi del Commercio e della Polizia Locale, con deleghe anche alla Sicurezza urbana , alle Politiche dei trasporti e mobilità, alla Protezione civile e alla Promozione della cultura della legalità, oltre che alla Toponomastica. “Mi assumo la responsabilità di questi referati e so benissimo che si tratta di questioni importanti, spesso trascurate negli ultimi anni, come il commercio, ulteriormente messo in difficoltà con l’emergenza Covid” spiega Bernardinello. Proprio per quanto riguarda questo aspetto “c’è già un programma, ma voglio ascoltare tutte le persone coinvolte. Oltre che per le associazioni di categoria la mia porta sarà sempre aperta anche per i commercianti, soprattutto in un momento così importante come quello della ripartenza”.

Altre fondamentali sfide che deve affrontare il neo assessore sono quelle della mobilità e della sicurezza: “La riapertura delle scuole ha comportato un notevole aumento del traffico. Chiedo ai cittadini di pazientare; ho richiesto la disponibilità straordinaria della polizia locale per presidiare soprattutto alcune zone della città”. Per la seconda questione invece Bernardinello punta ad aumentare la presenza delle persone, in particolar modo quella dei più giovani che sono coloro che escono con maggiore frequenza: “Se il posto è vissuto si aumenta la sicurezza”. Con l’occasione l’ottavo assessore della giunta Gaffeo esprime anche il suo parere sul tema delle armi ai vigili, ricordando come chi riceverà un’arma avrà comunque prima sostenuto un’adeguata formazione, ma “che questo non potrà avvenire a breve, visto l’organico ridotto degli operativi di Polizia locale”. Chiara Tomao

Le più lette