Home Padovano Ad Abano Terme un nuovo bosco urbano

Ad Abano Terme un nuovo bosco urbano

Tutto pronto per la creazione di un nuovo bosco urbano ad Abano Terme

Bosco urbano
Bosco urbano

Il 21 novembre sarà la giornata mondiale dell’albero e per quest’anno la Città di Abano Terme si prepara a festeggiare questo importante evento in un modo speciale: realizzando un nuovo Bosco urbano.
Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e l’associazione padovana Spiritus Mundi che, grazie al suo presidente Cristian Marcolin, promuove la realizzazione di progetti di forestazione urbana nell’area della pianura padana.

Dopo l’atto di indirizzo della Giunta, avvenuto con delibera n. 25 del 18 febbraio 2020 con la quale si era approvato il progetto di riforestazione urbana denominato “Bosco vivo di Abano Terme”, i Funzionari dell’ufficio tecnico e gli operatori di Spiritus Mundi hanno lavorato a stretto contatto al per arrivare alla conclusione del percorso con la firma della convenzione effettuata dal Dirigente Arch. Leonardo Minozzi, avvenuta lunedì 26 ottobre.

La messa a dimora delle piante avverrà entro la prima decade di novembre.

Il Bosco di Abano sorgerà in un terreno agricolo di proprietà comunale, di 11.000 mq, posto tra via I Maggio ed il Cimitero ove verranno messe a dimora 259 specie arbustive e 319 specie arboree con due diversi sesti d’impianto.

Il primo prevede l’utilizzo di sole specie arboree alternando specie di 1 grandezza a specie di 2 o 3 grandezza con le file esterne composte da soli arbusti per ricreare la fascia ecotonale tra bosco e prato.
Il secondo in considerazione della vicinanza con la pista ciclopedonale costituirà la zona di accesso e accoglienza per il cittadino è sarà composto da una vasta zona a prato completata con 3 filari alberati sinuosi nel sesto d’impianto.

Il bosco sarà composto da specie forestali autoctone riprodotte da sementi derivate dagli ultimi boschi relitti di pianura rimasti in vita. Obiettivo prioritari è quello di preservare la biodiversità locale, evolutasi in migliaia di anni e adattatasi a questo specifico territorio.

E’ bene ricordare come la riproduzione tramite sementi contribuisca alla conservazione e allo sviluppo di un’ampia diversità genetica, garantendo resilienza e resistenza degli ecosistemi ai cambiamenti climatici.
Altro importante segnale di un impegno sempre più green dell’amministrazione.

L’area verde apporterà inoltre benefici ambientali per flora e fauna locale, le quali troveranno un nuovo habitat naturale inserito nel contesto urbano.