Home Breaking News Cavarzere, Orlandin: "Abbiamo garantito i servizi"

Cavarzere, Orlandin: “Abbiamo garantito i servizi”

Il punto dell’assessore al Bilancio Orlandin: “In questi anni di finanziamenti statali decrescenti siamo riusciti ad evitare aggravi di costi per i cittadini e a garantire i servizi”

Assessore Andrea Orlandin
Assessore Andrea Orlandin

L’assessore al Bilancio, Andrea Orlandin, ha fatto il punto del lavoro svolto negli ultimi anni: “In questi anni di attività il lavoro dell’assessorato al Bilancio è stato mirato non solo all’efficientamento dal lato delle uscite, con una razionale politica di spesa che ha permesso, con finanziamento statale decrescente e con costi crescenti sul lato delle forniture, di mantenere inalterato il livello dei servizi, ma anche il recupero di risorse sul fronte delle partecipazioni non strategiche, come la vendita di PMV che ha permesso di incamerare euro 93.372,02”.

Acqua

“Un’attività meno impattante dal punto di vista mediatico ma dai ritorni economici sicuramente importanti è stata l’attenzione ai costi dovuti alle perdite dell’acqua; nel passato il Comune ha sostenuto costi molto elevati a causa di una rete infrastrutturale molto diffusa, con un numero di contatori elevato (37), e che presenta in molti punti diverse criticità, motivo per cui nel momento in cui si veniva ad originare una perdita la sua scoperta avveniva solo quando arrivavano per l’ente conti salatissimi di migliaia di euro; nella ricerca di una soluzione al problema (si pensi che nel solo bilancio 2016 la previsione delle spese dell’acqua era stata aumentata di circa 90.000 euro in previsione di possibili perdite) nel mese di settembre 2017 e su impulso dell’assessorato al Bilancio gli uffici hanno fatto richiesta di adesione al fondo di garanzia per fughe d’acqua, che ha consentito il risparmio di oltre 70mila euro”.

Telefono

“Anche sulle utenze telefoniche è stato fatto un grande lavoro assieme agli uffici tecnici, con il passaggio alla tecnologia Voip che ha permesso di abbattere anche in questo caso i costi – ha proseguito Orlandin -; il dato di costo del bilancio del 2017 è stato di euro 50.150, poi la rapida discesa con un 2018 pari a 27.099, un 2019 pari a 27.305,76, ed una prudenziale previsione per il 2020 di 30.000 euro (incrementata rispetto al 2019 per integrazioni avvenute con nuove linee e dispositivi installati presso plessi scolastici e municipio)”.

Nessun aggravio

E ha concluso: “Gestione oculata quindi sia sul lato delle spese che dell’approvvigionamento delle forniture di base hanno permesso in questi anni di finanziamenti statali decrescenti (si è passati infatti dai 4.507.285 euro di entrata sulle principali voci del 2016 ai 4.466.084 euro del 2019) di garantire ai cittadini i servizi che erano loro dovuti, senza alcun aggravio di costi”.

Erika Masiero

Le più lette