Home Rodigino Adria Csa Adria: “Revoca di Badiale legittima”

Csa Adria: “Revoca di Badiale legittima”

Simone Mori parla della revoca dell’incarico a Badiale e del nuovo regolamento

Quelle che si stanno succedendo sono settimane particolarmente difficili per la casa di riposo di Adria. Per questo motivo il presidente del cda Simone Mori ha deciso di intervenire in prima persona chiarendo alcuni punti: innanzitutto sulla delicata questione del nuovo direttore del Csa che vada a sostituire Mauro Badiale, fa sapere che nulla al momento è stato ancora deciso, anche perché bisognerà prima attendere la decisione del tribunale regionale, ma “voglio specificare che la delibera fatta da questo Cda per revocare l’incarico del direttore Badiale è pienamente legittima”.

In secondo luogo, Mori si è poi soffermato sulla realizzazione del nuovo regolamento, che sta creando scontri con diversi familiari degli ospiti della casa di riposo, i quali sono arrivati anche ad organizzare lo scorso mese un sit-in : “Il 15 luglio scorso abbiamo fatto una riunione aperta con tutti i familiari per poi chiedere la loro opinione in merito al nuovo regolamento; il 17 settembre abbiamo ricevuto le loro proposte e ci siamo presi dieci giorni per revisionarle”. La nuova bozza è stata consegnata ai rappresentanti Osti e Visentin dieci giorni dopo e le loro “ulteriori osservazioni sono arrivate il 15 ottobre, proprio il giorno del sit-in davanti alla casa di riposo. Ho pieno rispetto delle persone, ma in certi casi è chiaro che bisogna capire che non può essere fatto tutto subito e servono dei tempi tecnici e penso che stiamo facendo tutto in tempi record. L’obiettivo per ridare serenità a tutti i portatori di interesse di questo ente sarà raggiungibile solo se verranno messi da parte i personalismi dei singoli componenti”.

Anche perché tutte le case di riposo del Polesine hanno deciso in questo momento di adottare una linea comune che prevede la sospensione delle visite agli ospiti delle strutture finché non sarà rientrata l’emergenza Covid, pertanto risulta sempre più difficile trovare nuove soluzioni che possano soddisfare pienamente tutte le parti. Simone Mori Chiara Tomao

Le più lette