Home Padovano Padova Padova celebra la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate

Padova celebra la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate

Come da tradizione si è celebrata oggi la cerimonia per il giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, a cui hanno partecipato tutte le più alte cariche dello Stato civili e militari.

Anche a Padova, di fronte a Palazzo Moroni si è celebrata la festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Alla manifestazione, nel rispetto delle normative anti-covid, erano presenti: Il Prefetto, Renato Franceschelli, il Sindaco della città di Padova, Sergio Giordani, il Vice Comandante per il territorio delle Forze Operative Nord dell’Esercito, Generale di Brigata Ugo Cillo.

A differenza degli anni scorsi la cerimonia si è svolta alla sola presenza delle principali Autorità Civili e Militari a causa dell’attuale stato emergenziale e in aderenza alle recenti disposizioni ministeriali in materia di contenimento del contagio da coronavirus.

Al termine della cerimonia le autorità hanno deposto una corona d’alloro in onore dei caduti all’ingresso del Municipio.

A Padova, città che durante la Grande Guerra fu “capitale al fronte”, in collaborazione con Confesercenti Veneto Centrale e in coordinamento con il Comando Forze Operative Nord, sono state allestite le vetrine di alcuni negozi in via Umberto I e in via del Santo, che dal 4 all’8 Novembre, esporranno materiali e uniformi provenienti da reparti delle Forze Armate presenti in Veneto.

Non poteva mancare il messaggio del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, che ha ringraziato anche per l’impegno nella lotta al coronavirus: “Le forze armate hanno saputo corrispondere all’ emergenza sanitaria senza risparmio di energie, con il proprio personale altamente specializzato, medici, infermieri, mezzi e strutture mediche, nonché con la intensificazione dei contributi alla sicurezza della convivenza civile nell’ambito dell’operazione strade sicure per il controllo delle aree più a rischio.Insieme supereremo questi giorni difficili così come insieme abbiamo costruito la Repubblica, libera e prospera.Le donne e gli uomini delle forze armate, con la prontezza e la professionalità che li contraddistingue, dimostrano, ancora una volta, il loro essere risorsa preziosa e insostituibile, in armonia con le altre articolazioni dello Stato”.