Home Padovano Piove di Sacco: altri 200mila euro di buoni spesa per le famiglie...

Piove di Sacco: altri 200mila euro di buoni spesa per le famiglie bisognose e buoni shopping per tutti i residenti

Sostegno alle famiglie e al commercio di prossimità, ambiti segnati in negativo dagli effetti economici dell’emergenza sanitaria. L’amministrazione continua con il piano di rilancio dell’economia locale mettendo in circolo altri 200 mila euro sotto forma di buoni spesa e buoni shopping.

Buoni shopping

I primi, per un valore complessivo di 100 mila euro, saranno destinati alle famiglie più bisognose individuate attraverso il criterio del reddito, del numero di composizione del nucleo famigliare, di persone con disabilità a carico e della condizione lavorativa. Potranno essere utilizzati esclusivamente nei supermercati cittadini, per l’acquisto di tutti i prodotti tranne che per alcol e tabacco.

I buoni shopping (altri 100 mila euro) saranno invece spediti a casa a tutte le famiglie residenti e che hanno figli in età compresa tra i 6 e i 12 anni. Insieme con questi buoni, emessi con numero seriale secondo il principio degli assegni circolari con tagli da 5-15-30 euro, i destinatari troveranno un’informativa per l’utilizzo e l’elenco degli esercizi commerciali cittadini che su base volontaria hanno aderito all’iniziativa che vede anche la partecipazione di Confesercenti, Ascom e Piove Amica.

I vari tagli dei buoni sono associati alle variegate categorie merceologiche che compongono il tessuto commerciale della città. Si potrà usarli al bar, in pasticceria, nei panifici, in edicola, in fioreria, dal parrucchiere e dall’estetista, e anche nelle palestre, nei negozi di abbigliamento, di elettrodomestici e al ristorante.

Buoni shopping, parla l’amministrazione comunale

“E’ un progetto molto ambizioso – dice l’assessore Luca Carnio, promotore dell’iniziativa «sia per le risorse importanti messe in campo e anche perché è il modo più concreto per aiutare le famiglie, spingere sui consumi, sostenere il piccolo commercio di prossimità e fidelizzare il consumatore”.

“In quattro mesi – ribadiscono il sindaco Davide Gianella e il vice Lucia Pizzo – abbiamo investito oltre 400 mila euro per aiutare il commercio a superare questo momento così anomalo e straordinario. Se l’esperimento dovesse dare dei risultati importanti, potremmo valutare di ripeterlo in modo da avere efficacia nella continuità nelle politiche di investimento per lo sviluppo della città. Un investimento per aiutare famiglie e commercio, ma anche per provare a contrastare un momento difficile da un punto di vista psicologico. L’emergenza ci ha costretto a cambiare le nostre abitudini e i consumi ne hanno risentito in maniera importante”. (a.c.)

Le più lette