Home Padovano Padova Est Ponte San Nicolò: mobilità, le proposte dell’opposizione

Ponte San Nicolò: mobilità, le proposte dell’opposizione

Via Garibaldi e non solo, l’opposizione fa il punto dei percorsi ciclabili in paese e del loro stato di completamento

Mobilità, le proposte dell'opposizione
Mobilità, le proposte dell’opposizione

“L’estate scorsa – spiegano Nicoletta Paganin ed Emanuele Martino – il Partito Democratico di Ponte San Nicolò e la lista Facciamo Ponte hanno iniziato un progetto chiamato “Facciamo Piste”, per studiare lo stato di fatto della mobilità su due ruote nel nostro Comune, percorrendo le piste esistenti, in progetto, e quelle non previste ma necessarie. Ne è nato un momento di dibattito e di confronto che ha coinvolto 7-8 persone che settimanalmente hanno verificato i percorsi lungo viale Marconi, dal quartiere San Leopoldo fino a Rio, lungo gli argini fino a Roncajette, nei quartieri interni di Ponte San Nicolò capoluogo e Roncaglia.

Abbiamo raccolto le nostre osservazioni confrontandoci con le piste previste dal Pat, molte delle quali non realizzate pur se richieste dalla cittadinanza da tempo. In particolare la ciclabilità lungo viale Marconi è limitata a soli due tratti di 500 metri totali, quando dalla tangenziale al ponte di Ponte San Nicolò ci sono ben 2,2 km, con diversi punti di pericolo per le biciclette. Questo ritardo nella realizzazione di una pista ciclabile complanare alla “Piovese” è incomprensibile, tanto più che a Voltabarozzo c’è la pista ciclabile e il Comune di Legnaro sta lavorando al completamento della pista ciclabile. Da ripensare, a parere nostro, la mobilità ciclabile nella parte nord di Roncaglia, assolutamente inesistente e non prevista dal PAT, in cui l’unica pista prevista collega l’argine alla fine di via san Pio X, con Villa Crescente e le scuole in via Medici, ignorando l’importanza di collegarsi in direzione Padova”.

Le più lette