Home Trevigiano Quinto di Treviso: il ringraziamento a tutti i volontari

Quinto di Treviso: il ringraziamento a tutti i volontari

Consegnati gli attestati di ringraziamento ai volontari del Progetto estivo di sostegno alla Didattica a distanza

Ringraziamento ai volontari
Ringraziamento ai volontari

Si è tenuta nello scorso mese di ottobre, durante una seduta del Consiglio Comunale di Quinto di Treviso, la consegna degli attestati di ringraziamento che ha visto come protagonisti tutti i volontari e i referenti delle associazioni Scout Agesci – Quinto di Treviso 1, Caritas parrocchiale Gruppo missionario e studio assistito e A.P.S. Quinto Spazio Giovani, che hanno collaborato e a cui è stato riconosciuto l’impegno gratuito offerto al Progetto estivo di sostegno alla Didattica a distanza.

Il Progetto estivo di sostegno alla Didattica a distanza, promosso dal Comune di Quinto di Treviso e rivolto a tutti quei bambini e ragazzi del territorio quintino che avevano incontrato maggiori difficoltà nel seguire al meglio il programma scolastico svolto attraverso la modalità della didattica a distanza a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, consisteva in un percorso mirato al rinforzo e al recupero didattico, puntando però anche su quella che è la relazione educativa.

“Un esempio virtuoso, che ci rende molto orgogliosi, – ha sottolineato nel corso della consegna degli attestati ai volontari e ai referenti l’assessore alle Politiche sociali e sanitarie, familiari e alla Cultura, Nadia Soligo, – a dimostrazione di come la collaborazione tra istituzioni, associazioni e cittadini possa la ridurre le distanze imposte dall’emergenza sanitaria, che devono essere soltanto fisiche e mai sociali”.

Il sindaco del comune di Quinto di Treviso, Stefania Sartori, e il capogruppo della minoranza della Lista civica, Antonio Chiellato, hanno invece ribadito l’importanza di questi gesti generosi e impegnati: “Di azioni di rete come queste ha bisogno la comunità quintina, perchè l’orizzonte delle prossime sfide che ci attendono, diventi un po’ più sostenibile”.

Gaia Zuccolotto

 

Le più lette