Home Breaking News Rovigo, Anppe più attiva che mai per la città

Rovigo, Anppe più attiva che mai per la città

Anche ai tempi del Covid-19, l’Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria, sezione di Rovigo, è più che mai attiva. Inaugurata il 3 aprile 2008, è fin da subito stata presieduta da Roberto Tramacere, che è anche il capogruppo Anppe del Nordest

Anppe

Tramacere riepiloga i principali eventi che hanno segnato la storia dell’associazione: “Nel dicembre 2008 c’era stata la nostra partecipazione al primo Congresso nazionale, mentre nell’ottobre 2009, avevamo inaugurato la sezione di Padova “Due Palazzi” – ricorda Tramacere – Nel dicembre 2009 abbiamo inaugurato la sala congressi “Marco Frezza” di Rovigo. Nel settembre 2010 avevamo donato il materiale associativo e di arredamento alla futura sezione di Vicenza. A novembre dello stesso anno, abbiamo organizzato il primo raduno del Triveneto, con la sezione di Padova e le future sezioni di Vicenza, Trieste, Treviso, Verona.

Nell’estate del 2011 è partito il volontariato a supporto della direzione della Casa Circondariale di Rovigo, con il controllo pasti degli agenti, commissioni amministrative, recandoci negli uffici postali e al tribunale di Rovigo. Nel maggio 2012 si era svolta la prima edizione di Cinqueminutidilegalita, giunta al nono anno, negli istituti delle scuole medie superiori della provincia di Rovigo, con tanto di convegno di informazione per la sicurezza sul web, sostanze stupefacenti e alcoliche, incluso il percorso penitenziario. A tutt’oggi è stata presente una platea di circa 14.000 studenti. Nell’aprile 2013 si è tenuta l’inaugurazione della sezione di Trieste e nel mese di luglio si è proceduto alla bonifica e manodopera completa, con tinteggiatura, di una parte dell’asilo Arcobaleno di Rovigo”.

L’Anppe di Rovigo effettua anche vigilanza e sicurezza sul territorio, in occasione di eventi e manifestazioni a Rovigo e provincia. Nel dicembre 2017 c’è stata l’inaugurazione della nuova sezione polesana, che si trova a Canale di Ceregnano. “Ad aprile abbiamo consegnato oltre 4,5 quintali di derrate alimentari, al Comune di Rovigo, destinate a famiglie disagiate per l’emergenza Covid-19 – conclude Tramacere – Altri 10 quintali, sono stati raccolti tra luglio e agosto. Sempre la scorsa estate abbiamo proceduto con il rifacimento, l’arredo e la bonifica, della nostra sezione di Ceregnano più la sala congressi di Rovigo”. Marco Scarazzatti

Le più lette