Home Breaking News San Giorgio delle Pertiche: lavori pagati con i soldi dei cittadini, tutto...

San Giorgio delle Pertiche: lavori pagati con i soldi dei cittadini, tutto da rifare

Lavori al vecchio acquedotto non eseguiti a regola d’arte e così sindaco e giunta non ci hanno pensato due volte a far eseguire l’intervento come si deve

Lavori all'acquedotto
Lavori all’acquedotto

Al centro della vicenda i lavori lungo la strada provinciale 10 che collega San Giorgio ad Arsego. Le opere riguardavano la sostituzione del vecchio acquedotto. Il Comune, con il sindaco in testa, ha così costretto la ditta incaricata da Etra a rimuovere l’asfalto e a ripristinarlo com’era in precedenza. La sp 10 necessita da tempo di manutenzione, il rifacimento delle condutture dell’acquedotto ormai obsolete non ne ha di certo migliorato lo stato.

Dal canto suo Etra sta ammodernando tutta la rete comunale, allacciamenti inclusi. Per i lavori eseguiti si è resa necessaria la riasfaltatura di tutto il tratto stradale interessato: secondo il Comune la ditta non solo avrebbe tolto il minimo indispensabile dal manto stradale, ma avrebbe pure“gettato” l’asfalto senza eseguire prima le opere di raccordo necessarie per livellare il fondo. A notarlo per primi icittadini, residentilungo la provinciale, che hanno segnalato, lungo un tratto di almeno 300 metri, le continue vibrazioni dovute agli avvallamenti del sedime stradale, la presenza di buche in quanto l’asfalto in alcuni tratti era più alto del pozzetto e l’allagamento, dopo la pioggia di quei giorni, della pista ciclopedonale.

“Le opere pubbliche sono pagate con i soldi dei cittadini –ribadisce il sindaco Daniele –. Siamo intervenuti a seguito delle segnalazioni di protesta dei residenti e abbiamo subito effettuato un sopralluogo. Non potevamo davvero accettare un lavoro di asfaltatura fatto malissimo, tra l’altro senza un’adeguata segnaletica. Etra, che ringrazio, ha subito capito le nostre ragioni tantoda far rifare il lavoroed evitare il peggioramento della situazione e ulteriori lamentele”.

Giorgia Bortolato

Le più lette