Home Padovano Un’opera di Seneca contro la violenza sulle donne a Montegrotto Terme

Un’opera di Seneca contro la violenza sulle donne a Montegrotto Terme

Un cubo in piazza Roma, la piazza principale di Montegrotto Terme, di fronte al municipio decorato da volti stilizzati e colorati di donne segnati dalle violenze

L’opera di Seneca

E’ l’opera dell’artista Seneca commissionata dal Comune di Montegrotto Terme e inaugurata a sorpresa stamane alla presenza del sindaco, Riccardo Mortandello, delle assessore Elisabetta Roetta e Laura Zanotto, della presidente della Consulta Pari Opportunità, Sandra Pinato, con alcune delle componenti, e della rappresentate del Centro Veneto Progetti Donna Claudia Pividori.

“Con questa istallazione – ha spiegato Seneca che come sua consuetudine non si è svelato ma ha mandato una persona del suo staff a rappresentarlo – i volti di queste donne, che colpiscono al cuore, sono accompagnate da frasi che portano l’attenzione all’amore verso le donne e contro qualsiasi tipo di violenza. Il 25 novembre deve essere tutti i giorni dell’anno”.

“Per noi – ha detto il sindaco liberando un mazzo di palloncini rossi al cielo – si tratta di un impegno da portare avanti per tutti i giorni dell’anno. Siamo veramente felici che Seneca ci abbia prodotto un’opera i cui panelli potranno essere poi collocati stabilmente in altre zone della città per richiamare l’attenzione di tutti sui problemi delle donne vittime di violenzas e per fare sapere a chi ha questo tipo di problemi che si può chiedere aiuto e che le istituzioni sono in ascolto e al loro fianco”

“I dati della violenza di genere – dice l’assessora al Sociale Elisabetta Roetta – sono impressionanti. Nel 2019 a Padova e provincia si sono rivolte al Centro Veneto Progetti Donna 1082 donne, mentre nei primi 10 mesi del 2020 sono state 755, tra queste 14 proprio da Montegrotto Terme”. “Purtroppo  – spiega Pividori del Centro Veneto Progetti Donna – sono una piccola percentuale di chi è vittima di violenza si rivolge alle istituzioni per chiedere aiuto. In controtendenza dal messaggio generale di questi giorni è importante che le donne sappiano che uscire .da una relazione di violenza si può”.

Grazie alla Consulta per le Pari Opportunità, attiva da un anno, l’amministrazione sampietrina e con la collaborazione del Centro Veneto Progetti Donna, darà inoltre avvio a una campagna di informazione e sensibilizzazione indirizzata alle donne, affinché sappiano che non sono sole e che possono chiedere aiuto. La campagna si chiama “Attacca la violenza” e prevede l’affissione in luoghi privati (bagni femminili, camerini dei reparti donna, cabine dei centri estetici, parrucchiere) di adesivi contenenti il Numero Verde del Centro Antiviolenza. L’idea è infatti di esporre le informazioni in luoghi principalmente frequentati da donne, e sufficientemente riservati per favorire la possibilità di ricevere l’informazione in maniera protetta e annotare il numero in sicurezza. Spesso la necessità di tutelare il più possibile la privacy delle donne pone infatti dei limiti alla divulgazione delle informazioni utili per raggiungere il Centro antiviolenza e mettersi in contatto con le operatrici. L’obiettivo è raggiungere un numero sempre più elevato di donne, con la finalità generale di favorire l’emersione del fenomeno nel territorio.