Logo testata di vicenza

HomeVenezianoCavarzereCona: sconfitta, in un mese, da un male crudele. Addio alla mamma...

Cona: sconfitta, in un mese, da un male crudele. Addio alla mamma – maestra

Riceviamo da Rolando Ferrarese e pubblichiamo

È stata l’insegnante e una seconda mamma insieme per tutti  gli scolari che hanno frequentato per tanti decenni la “Gabriele D’ Annunzio” di Pegolotte di Cona (e  che mi ha ricordato gli anni dell’ infanzia  con la mia indimenticabile maestra).

Ma un male inestinguibile e crudele si è  portata via, in un solo mese di malattia, la maestra  Maria Cristina in Tortato, a soli 61 anni( e ormai prossima alla pensione):tra il rimpianto di quanti hanno avuto modo di conoscerne le doti umane e il suo amore verso il prossimo, e i bambini in particolare.Originaria di Cavarzere, dove ancora viveva con il marito Luciano Tortato, e i figli Maria Celeste, Giulio e Antonio, era una donna esemplare sotto ogni aspetto umano:  che aveva trascorso tutta la sua vita con passione e amore nelle scuola conense, dove ha insegnato, fin dagli anno ’80, a generazioni  di bambini. E i cui scolari e studenti, assieme ai genitori, hanno voluto maninfestare la loro tristezza per la perdita ai familiari in primis, e alla popolazione.Maria Cristina  aveva un attaccamento quasi viscerale alla sua scuola, che aveva purtroppo dovuto lasciare il 25 novembre scorso, in seguito alla sua grave malattia tumorale; e che in meno di un mese ne ha causato la dipartita.Era capace di lavorare  fino alle 22 per elaborare e preparare i suoi progetti scolastici per il giorno dopo..Ha detto  una sua collega: “Era un’ amica, una grande donna, amata da tutti: è  stata una grave perdita…”.Mentre il sindaco di Cona, Alessandro Aggio, ha dichiarato, tra l’ altro:” È con profonda tristezza che ho appreso della scomparsa  della maestra Maria Cristina. Mi unisco al dolore della famiglia, ma anche dei colleghi, e soppattuito degli scolari di tante generazioni che l’ hanno amata.A cui esprimo le mie sentite condoglianze   ..”.
I funerali si celebreranno mercoledì 30 dicembre alle 15 in Duomo.

Le più lette