Home Padovano Conselvano Due carrare, la biblioteca entra in casa

Due carrare, la biblioteca entra in casa

In tempi di pandemia la biblioteca comunale arriva direttamente a casa. Attivato durante la totale chiusura della scorsa primavera, prosegue il servizio “Biblio Home” che consente di ricevere al proprio domicilio i libri prenotati.

Biblioteca

La prenotazione dei volumi avviene tramite e-mail, whatsapp e facebook e la consegna, concordata con il richiedente, è effettuata durante l’orario di apertura del servizio bibliotecario.

“L’esperienza della Biblio home è cominciata nel periodo di lockdown, quando ci siamo chiesti come continuare a mantenere un servizio che è una finestra aperta sul mondo – spiega il sindaco di Due Carrare Davide Moro -. Grazie alla disponibilità del bibliotecario abbiamo pensato di raccogliere le prenotazioni dei libri via e-mail e via telefono. Vista l’impossibilità dei cittadini di muoversi abbiamo deciso di considerarlo un servizio fondamentale e di portare a casa i libri prenotati. Ovviamente è stato predisposto un protocollo molto rigido: tutte le disposizioni di protezione da parte del bibliotecario con continue disinfezioni dell’auto e delle superfici di contatto”.

Il protocollo della biblioteca prevede anche tre giorni di “isolamento” dei libri prestati e la disinfezione delle copertine di plastica. “Il servizio ha registrato un buon riscontro, ma soprattutto grande successo e grandi complimenti, perché è una finestra sul mondo che rimane aperta nelle case delle famiglie”, conclude il sindaco Moro.

Dall’inizio di dicembre la biblioteca è tornata a essere fruibile nel rispetto delle norme anti-Covid; parallelamente continua il servizio gratuito di consegna libri a domicilio. L’accesso e la permanenza negli spazi bibliotecari sono consentiti con mascherina; obbligatori anche l’igienizzazione delle mani all’ingresso, il distanziamento di almeno 1 metro dalle altre persone, la sanificazione della postazione informatica e del tavolo al termine della sessione di consultazione o studio.

Francesco Sturaro

Le più lette