Logo testata di vicenza

HomeSaluteLa salute a Padova EstL'approccio integrato per la salute della donna. Progetto Rosa

L’approccio integrato per la salute della donna. Progetto Rosa

Progetto Rosa
Progetto Rosa

La salute della donna è un tassello ineludibile del complesso universo femminile. La cura del proprio corpo, e gli accertamenti diagnostici, sono alla base della salute psicofisica della donna. Le varie fasi della vita, infatti, hanno bisogno di controlli specifici che variano in funzione della propria età. Ma a partire dall’età di 39-40 anni diventa di cruciale importanza un approccio multidisciplinare dove le figure del ginecologo e del senologo sono fondamentali nel definire e prendersi cura della salute della donna. In primo sempre a fianco della donna in tutte le fasi della vita, con strumenti come la visita ginecologica, il PAP test, HVP test, ma soprattutto l’ecografia pelvica, pronto a intercettare tutti i bisogni non solo della sfera fisica ma anche del benessere psicologico.

Il PAP test è un esame fondamentale per la salute della donna e dal primo rapporto andrebbe ripetuto annualmente o al massimo ogni due anni. Il PAP test è infatti il miglior test di screening per il tumore del collo dell’utero, essendo in grado di individuare lesione causate da infezioni di HPV (virus del papilloma umano che si trasmette per via sessuale), che se trascurate negli anni, posso portare al tumore del collo dell’utero.

E’ anche utile eseguire l’HPV test, con cui è possibile tipizzare il sierotipo di HPV responsabile delle lesioni riscontrate. La visita ginecologica prevede esplorazione bimanuale degli organi pelvici, si determinano, morfologia, dimensioni e mobilità dell’utero, e delle ovaie bilateralmente, se presenti zone che evocano dolore o altri reperti di anormalità.

L’ecografia ginecologica è uno strumento imprescindibile per studiare l’apparato genitale femminile.

Con l’ecografia riusciamo a misurare con precisione l’utero e le ovaie e valutarne la morfologia. Si può determinare in quale fase del ciclo si trovi la signora in base alla morfologia dell’ovaio e le caratteristiche e dimensione della mucosa endometriale. Si possono così escludere importanti quadri patologici sia a livello dell’utero, delle salpingi e della ovaie.

Questa metodica si base sull’uso degli ultrasuoni e conseguentemente risulta assolutamente innocua. L’altra figura irrinunciabile è il senologo. Quest’ultimo si prende cura di un ambito fondamentale ovvero la salute del seno della donna, infatti il cancro al seno è il tumore più frequente nel sesso femminile, e la sua diagnosi precoce permette di ottenere ottimi risultati. Spesso, il primo sintomo riconoscibile è la presenza di un nodulo o un ispessimento del seno, mentre poco frequentemente da dolore. E’ importante sottolineare come la maggior parte della formazioni palpabili non siano in realtà una neoplasia, ma è fondamentale una loro caratterizzazione.

A partire dai 20 anni è importante l’autopalpazione, una volta al mese, finito il ciclo. Anche se questa manovra è fondamentale ma non risulta sufficiente, infatti in caso di sospetto, oppure dopo aver compiuto i 39 anni di età, è necessario una valutazione clinico strumentale per individuare o meglio escludere patologie a carico del seno. La valutazione clinica prevede, dopo una attenta anamnesi, l’ispezione e la palpazione di entrambe le mammelle alla ricerca di eventuali patologie.

A seguire si esegue ecografia mammaria che ha il compito di individuare eventuali nodularità sia di aspetto benigno che maligno. Basata sull’impiego degli ultrasuoni è un’indagine non invasiva ed innocua. L’ultimo passaggio è l’esecuzione della mammografia che allo stato dell’arte è in 3D con tomosintesi.

Questa metodica è in grado di evidenziare lesione anche di piccole dimensioni approccio integrato per la salute della donna. Progetto Rosa e non ancora avvertibili con la palpazione.

La mammografia, con tomosintesi 3D, permette una ricostruzione in tre dimensioni della mammella rendendo più apprezzabili eventuali lesioni e migliorando la capacità diagnostica da parte del radiologo. La tecnologia si basa sui raggi X, ma la quantità di radiazioni delle macchine di ultima generazione risulta trascurabile.

La salute della donna deve essere affidata in mani esperte, ai professionisti della salute della donna, il ginecologo ed il senologo, che lavorando in team possano offrire la miglior prestazione possibile. L’approccio multisciplinare come vocazione e scelta permette infatti un flusso di informazioni ed una accuratezza diagnostica a salvaguardia del bene più importante, la salute.

Prestazioni del Progetto ROSA – Visita Ginecologica – Visita Senologica – PAP test – Eco mammaria – Ecografia ginecologica – Mammografia con tomosintesi 3D

Prof. Donato D’Antona

Specialista in Ginecologia e Ostetricia Clinica Ostetrica e Ginecologica Affidea – Poliambulatorio Morgagni

Via Cavazzana 39, Padova – Tel. 049 8787479

e-mail: info.morgagni@affidea.it – www.affidea.it

Le più lette