Home Breaking News Luci e ombre su Piove: i commercianti stanno alla finestra

Luci e ombre su Piove: i commercianti stanno alla finestra

Dopo gli annunci la città attende interventi concreti ed efficaci che favoriscano la ripresa per i commercianti

Piove di Sacco
Piove di Sacco

In una fase particolare, complessa, difficile come quella che stiamo vivendo anche lo stile della comunicazione e la scelta di chi mettere sotto i riflettori ha la sua importanza.

Abbiamo visto le amministrazioni chiamate a confrontarsi con questa nuova emergenza, non solo sanitaria ma anche economica dunque, e chiamate a mettere in piedi, in un contesto del tutto straordinario, corposi piani di aiuto e sostegno alle famiglie e al commercio. E molto spesso è stato encomiabile l’impegno profuso per dare un segnale d’incoraggiamento, per rendere efficaci gli sforzi da compiere e compiuti. Anche a Piove di Sacco è stato messo in piedi un piano per il commercio che, in vari step, mette in campo aiuti per 400mila euro e con interventi mirati, tende una mano a chi è più in difficoltà e ha bisogno di questi aiuti che, a questo punto, sono di vitale importanza.

Tante iniziative, ma in che stile?

Se, dunque, anche per Piove è lodevole l’impegno e la buona volontà, testimoniata anche dalle recenti iniziative messe in campo per il periodo natalizio, forse lo è meno la scelta dello stile con cui ha deciso di procedere. In tempo di forzata e necessaria sobrietà, anche nella comunicazione, stride infatti l’abitudine di procedere per grandi annunci in un clima da campagna elettorale che, questa volta, davvero stona.

Sotto la luce dei riflettori non va messo ciò che l’amministrazione annuncia di fare, ma i commercianti per i quali è bene costruire, soprattutto con l’approssimarsi delle festività natalizie e degli acquisti dei regali, una bella vetrina che possa valorizzarli e, insieme a loro, che possa creare attrattiva per il centro cittadino, così ricco e vitale, in tempi più felici.

Resta ancora molto da fare

Se alcuni dei punti previsti nel piano per il commercio a Piove sono già cosa fatta, molto ancora resta da fare. I commercianti, così come risulta dalla nostra intervista, ci sperano in questi aiuti ma al momento sono alla finestra, fiduciosi che le aspettative non saranno disattese, anche se per ora si ragiona per lo più su annunci di un piano che è stato presentato con grandi squilli di tromba, già diversi mesi fa. E’ vero che i passaggi tecnici richiedono i tempi necessari, ma il tempo stringe. L’opposizione parla di “scelte facili” della maggioranza, in alcuni casi avrebbe proceduto con soluzioni diverse, e tuttavia aspetta di vedere anche le ricadute che avranno sul territorio, prima di giudicarle efficaci.

Piuttosto che puntare su una comunicazione autoreferenziale, non sarebbe il caso di concentrare le energie per far partire in modo poderoso e significativo la promozione della città di Piove e del Piovese? Il sito annunciato, l’app e la pagina Facebook, la campagna promozionale e di comunicazione ci sono? Stanno facendo da cassa di risonanza per aumentare l’attrattiva, anche al di fuori di Piove, del centro storico con positive ricadute sulle attività commerciali locali?

Lo capiremo evidentemente nei prossimi mesi, per ora questi sono solo annunci.

Le più lette