Home Veneziano Miranese Sud Mirano: “Tanti progetti avviati e lavori portati a termine"

Mirano: “Tanti progetti avviati e lavori portati a termine”

Il bilancio della sindaca di Mirano, Maria Rosa Pavanello del 2020 e le prospettive per il 2021

Mirano
Mirano

Bilancio non scontato quello tracciato dalla sindaca Maria Rosa Pavanello su un 2020 inevitabilmente segnato dall’emergenza Covid. Il Comune, come altri, ha dovuto organizzare e sostenere le misure di contenimento e sostegno, soprattutto economico, a popolazione e attività già da marzo. “Siamo orgogliosi – spiega la sindaca – della risposta che ha saputo dare il Comune e allo stesso tempo del fatto che, parallelamente alla gestione dell’emergenza, siamo stati in grado di realizzare importanti opere pubbliche e iniziarne altre, lavorare a manutenzioni e nuovi progetti, rispettando la programmazione che ci eravamo dati”.

Sul fronte Covid: “Una volta iniziato il lockdown – spiega Pavanello – abbiamo iniziato subito a studiare soluzioni per aiutare le categorie di persone più in difficoltà, con un servizio a domicilio di beni di necessità e la distribuzione delle mascherine, grazie alla protezione civile. Con Confcommercio abbiamo lanciato un sistema integrato di consegne e poi implementato il “Fondo solidarietà” alimentare finanziato dal Governo per le attività, oltre a contributi economici straordinari, la possibilità di allargare i plateatici senza costi aggiuntivi e la sospensione della sosta a pagamento”.

Qualche rallentamento sulle opere pubbliche è stato inevitabile, ma i progetti anche in questo 2020 sono partiti: “Spiccano tre rotatorie – prosegue la sindaca – che aiuteranno a rendere più fluida la circolazione tra via Vittoria e via Villafranca, tra via Matteotti e via Cavin di Sala e tra via Vittoria e via Pestrino. Per tutte e tre i lavori termineranno a gennaio. Molto importante anche l’inizio dei lavori per la ciclabile di via Ballò, riasfaltature e manutenzioni per 280 mila euro e gli interventi di manutenzione in via Porara e via Vetrego eseguiti da Cav nell’ambito delle opere complementari del Passante”. Importanti anche gli interventi nelle ville comunali e nelle scuole, oltre che nei cimiteri, in particolare nel capoluogo, mentre passi avanti sono arrivati sul fronte della sostenibilità: a novembre è stato infatti siglato il contratto con la ditta che, nel 2021, realizzerà l’efficientamento energetico di 28 edifici comunali.

“Quanto fatto – conclude Pavanello – conferma la capacità della città di prepararsi al futuro, impegnarsi su temi fondamentali in quest’ottica, come la sostenibilità ambientale o i servizi per le generazioni più giovani. Testimonia anche la capacità di reagire, di rispondere alle esigenze cittadine, tanto quelle programmate quanto quelle impreviste. Lo raccontano le misure urgenti prese a seguito della pandemia. Ma lo racconta anche il fatto che, oltre a rispettare il programma degli interventi fissato, gli uffici comunali sono stati in grado di andare oltre, rispondendo alle emergenze e agli imprevisti, come ad esempio la rottura delle caldaie della piscina o la necessità di dotare le scuole di nuova tecnologia”.

Filippo De Gaspari

Le più lette