Home Padovano Bassa Padovana Monselice: 400 anni di vita per le querce al Parco Buzzaccarini

Monselice: 400 anni di vita per le querce al Parco Buzzaccarini

Monselice ha accolto la proposta dell’Università di Padova. L’assessore Piccolo: “Col Progetto 400 lasciamo un messaggio ai posteri”

Progetto 400
Progetto 400

Cresceranno per i prossimi 4 secoli ai piedi della Rocca a testimoniare il legame indissolubile e necessario tra uomo e natura, tra oggi e domani. Questo il senso del “Progetto 400”, ideato dall’Università di Padova, che pone a dimora le querce in spazi individuati nei comuni aderenti. Tra questi anche Monselice che ha deciso di accogliere la proposta dell’Università di Padova e del Professor Lucio Montecchio di piantare i secolari alberi da studiare e preservare per i prossimi anni. Il luogo prescelto per ospitare le due querce è il Parco Buzzaccarini, in quanto simbolo verde della città.

Alla viglia della Festa degli Alberi è avvenuta la posa delle piantine che lì potranno crescere indisturbate, senza alcuna potatura, e con le cure dell’Università di Padova e del Gruppo Micologico locale. Le querce, che per attecchire e diventare grandi non devono essere relegate in spazi piccoli o vicine ad altri alberi, sono state posizionate a 15 metri l’una dall’altra seguendo le indicazioni dell’Università. L’adesione al “Progetto 400” da parte di Palazzo Tortorini è avvenuta lo scorso anno e senza alcuna esitazione da parte del Sindaco Giorgia Bedin e dell’Assessore Luca Piccolo, che si è occupato di seguire il progetto.

“Lo abbiamo fatto per lasciare un ricordo ai posteri nei prossimi secoli e per lanciare un messaggio oggi, attraverso un’azione semplice ma allo stesso tempo di grande impatto. Riteniamo indispensabile essere sempre più sensibili e attenti verso le tematiche green” ha spiegato Luca Piccolo “Un sentito ringraziamento va all’ufficio ambiente del Comune di Monselice, al professore Montecchio dell’Università di Padova e ai nostri sempre presenti operai comunali”. A testimoniare nei secoli futuri il valore di questa iniziativa e l’impegno preso del comune della Rocca, insieme all’Università di Padova, è stata realizzata anche una targa dedicata.

Le più lette