mercoledì, 19 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeBreaking NewsVaccino: a Schiavonia somministrata la prima dose

    Vaccino: a Schiavonia somministrata la prima dose

    Leaderboard

    La campagna di vaccinazione debutta oggi e contemporaneamente in tutta l’Unione Europea. Le postazioni vaccinali attivate in Ulss 6 Euganea sono due: al Covid Hospital di Schiavonia e all’Ospedale di Cittadella

    In diretta dalla pagina Facebook dell’Ulss 6 Euganea è stata somministrata la prima dose di vaccino presso il Covid Hospital di Schiavonia.

    La scelta di questo ospedale non è casuale: Schiavonia passerà alla storia come il primo Covid Hospital. È stato e sarà un emblema di questa guerra contro il virus a partire dalla notizia del primo contagio in Veneto che ha visto l’isolamento completo dell’ospedale in una cintura sanitaria molto forte, con l’obiettivo di metterlo in sicurezza e poter testare tutte le persone.

    Vaccino

    Oggi è una giornata storica ed una svolta fondamentale. Possiamo intravedere una luce in fondo ad un tunnel che dura ormai quasi un anno. Il direttore Scibetta della Ulss 6 Euganea non nega che oggi sia una giornata di grande emozione per tutti e dichiara:”il vaccino è il più avanzato dal punto di vista scientifico, costituito da un messaggio genetico che istruisce le cellule dell’organismo a produrre gli anticorpi contro una proteina specifica del virus. Non c’è la possibilità che questo vaccino possa dare effetti collaterali o malattie.”

    Così oggi 27 dicembre la prima persona ad essere vaccinata è Alice Solda: un’operatrice sanitaria che lavora nel pronto soccorso di Schiavonia. Successivamente si procederà con altri medici di Schiavonia e di Piove di sacco. Per la vaccinazione si è seguito un ordine cronologico rispetto a tutti i candidati che si sono offerti. Durante la vaccinazione si procederà in ordine decrescente con l’età.

    I commenti

    Alice Solda’: “Sono emozionata, è un momento particolare, speriamo che le cose cambino. Sono stati dieci mesi impegnativi, stressanti, durante i quali abbiamo cercato di dare risposte veloci ed efficienti. Non è ancora finita, c’è ancora molta strada da fare, la speranza è che il vaccino ci dia una mano. Il vaccino è giusto farlo, io non ho timori”. Donatella Ancona: “Il Coronavirus ha una grande capacità di diffusione, il vaccino è un traguardo, importante è la velocità con la quale è stato elaborato ma le persone devono aumentare il proprio senso di responsabilità, senza credere alla “pseudocultura” veicolata dal web”.

    “Oggi è una giornata storica, da segnare triplamente in rosso sul calendario: dopo aver “giocato” per dieci mesi in difesa, in questa ultima domenica dell’anno diventiamo convintamente attaccanti: i vaccini – sottolinea il Direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta – hanno cambiato la Storia della Medicina e della salute, tanto da essere, insieme all’acqua potabile e agli antibiotici, una pietra miliare. Ed è con una punta di commozione che oggi abbiamo assistito alla prima tornata di vaccinazioni, che hanno interessato un’avanguardia di professionisti della nostra Ulss, in servizio sia a Schiavonia, ormai “storico” Ospedale dove avvenne il primo decesso Covid d’Italia, sia a Cittadella, a testimonianza di come l’offensiva al Coronavirus sia ormai omogeneamente distribuita tra Bassa e Alta Padovana, compreso il presidio di Piove di Sacco. In questa fine anno colgo l’occasione per ringraziare, ancora una volta, quanti stanno combattendo insieme a noi questo virus sudbolo, contro il quale oggi abbiamo un grandissimo alleato, figlio della scienza, che si aggiunge al rispetto delle regole e alla prudenza, figli della coscienza”.

    Leaderboard

    Le notizie più lette di Padova