Home Rodigino Adria L’Adriese è scuola calcio qualificata per il secondo anno

L’Adriese è scuola calcio qualificata per il secondo anno

Continua il percorso di crescita della squadra sotto la guida del direttore tecnico Alberto Cavagnis

Alberto Cavagnis

E’ un percorso di crescita che l’Adriese sta facendo. E che riguarda non solo la prima squadra, impegnata in un girone, quello C, quanto mai competitivo e con tanta qualità che regalerà un equilibrio fino alla fine di questo torneo, travagliato da un virus che sta scombussolando le vite di tutti. Un percorso di crescita, complicato, difficile, che vede il club granata impegnato in un rilancio del settore giovanile e che vede il direttore tecnico Alberto Cavagnis impegnato in prima fila. Una linea verde che vedrà i suoi frutti ovviamente più avanti, a patto che tutte le componenti societarie condividano e supportino questo percorso. Cavagnis, è la persona adatta, considerato il suo percorso e il suo curriculum.

Quarantasette anni, prima di arrivare ad Adria è stato responsabile dell’area tecnica del settore giovanile dell’Udinese. Cavagnis, è stato a lungo un giocatore nei campionati dilettanti, poi ha fatto l’osservatore per il Vicenza, il Venezia e ricoperto un incarico nel Pordenone in ambito marketing.
Oltretutto Cavagnis, nel 2017, ha preso il patentino di direttore sportivo a Coverciano, presentando una tesi dal titolo “La costruzione del settore giovanile e la conoscenza dello sviluppo del territorio”.
E lavorare sul territorio, è sicuramente un obiettivo, creando sinergie e non rivalità. E questo, è l’unico modo per crescere veramente in tutto, e ciò riguarda tutte le società di calcio (e non solo) che spesso invece non riescono a guardare oltre al proprio orticello.
Cavagnis, a metà dicembre, è stato ospite negli studi televisivi di Milano alla trasmissione televisiva di Sport Italia, una bella visibilità per il club granata, dove il direttore tecnico ha parlato, oltre che della prima squadra, anche di questa “linea verde” che vede impegnata l’Adriese. E nella gara, vittoriosa con il Chions, la squadra ha chiuso la partita con due classe 2003 in campo.
Per il secondo anno consecutivo, l’Adriese è stata riconosciuta come scuola calcio qualificata. “E di questo ne andiamo fieri, dice Cavagnis. Anche quest’anno, come lo scorso anno, abbiamo la Juniores più giovane del torneo. Ora, causa coronavirus, le attività giovanili sono sospese. La prima a riprendere dovrebbe essere proprio la juniores nazionale. Ovviamente, speriamo si torni al più preso alla normalità, in maniera tale che possano riprendere, oltre a tutti gli allenamenti, anche  i vari incontri formativi che facevamo lo scorso anno e che riguardavano i nostri giovani atleti e i nostri tecnici.”

c.a.

Le più lette