Home Breaking News Mirano, Bosco del Parauro ampliamento bloccato dal virus

Mirano, Bosco del Parauro ampliamento bloccato dal virus

Perso il finanziamento regionale per l’ampliamento del Bosco del Parauro: “Non abbiamo tempo e risorse per partecipare”

Bosco del Parauro, ampliamento bloccato dal virus. Perso il finanziamento regionale per i boschi di pianura, stesso destino potrebbe toccare alla nuova opportunità offerta dal bando della Città metropolitana. “Non abbiamo tempi e risorse per parteciparvi” la risposta del Comune alle sollecitazioni di Italia Nostra. L’associazione ambientalista aveva scritto al sindaco e a tutto il consiglio comunale per chiedere di riprendere in mano il progetto di ampliamento del bosco sui terreni del Mariutto, attingendo dai 30 milioni di euro che il Ministero dell’ambiente ha messo a disposizione della Città metropolitana per progetti di rimboschimento urbano.

Il bando scade il 18 febbraio e Italia Nostra chiede al Comune di non perdere anche questa occasione: “Si continua – scrive il rappresentante dei soci Adriano Marchini – a rimanere inerti di fronte a queste opportunità. Se l’ampliamento del bosco è davvero una priorità, si devono creare le condizioni per realizzarlo”.

Per il Comune però le cose sono più difficili di quanto sembri: “Siamo a conoscenza del bando – spiega il sindaco Maria Rosa Pavanello – e l’abbiamo esaminato: purtroppo l’emergenza Covid assottiglia drasticamente le nostre possibilità di adesione, perché risulta difficile costruire in breve tempo un progetto che soddisfi tutti i parametri fissati dal bando, che richiede una progettazione definitiva, un team multidisciplinare per la progettazione, manutenzione e gestione degli impianti arborei, documentazioni relative alle specie botaniche, un piano di monitoraggio e una garanzia fideiussoria per l’esecuzione della manutenzione. Inoltre la proprietà del terreno è del Mariutto, che deve necessariamente essere coinvolto e sebbene l’ente sia interessato alla cosa, oggi è concentrato sulla gestione dell’emergenza all’interno dell’istituto. Stiamo portando avanti lo sviluppo del Bosco e vogliamo farlo insieme agli altri enti interessati, in primis il Mariutto e la Città metropolitana: se le condizioni imposte dalla pandemia permetteranno l’adesione al bando si potrà procedere, altrimenti dovranno essere battute altre strade per raggiungere l’obiettivo. Un bando a fondo perduto è un aiuto consistente, ma nel contesto di emergenza in cui viviamo rischia di non essere sufficiente”.

Filippo De Gaspari

Le più lette