Home Veneziano Miranese Nord Salzano: videosorveglianza, una trentina di impianti per la sicurezza del paese

Salzano: videosorveglianza, una trentina di impianti per la sicurezza del paese

Sono configurati due sistemi di telecamere: uno per la lettura targhe l’altro per la registrazione nei punti sensibili

Una telecamera per la videosorveglianza

“C’è voluto un anno e mezzo di burocrazia ma ora la parola sicurezza nel nostro territorio ha iniziato ad assumere un significato concreto”. E’ quanto afferma con soddisfazione il sindaco di Salzano Luciano Betteto.

Da marzo scorso, il sistema di videosorveglianza è effettivamente in uso e in pochi mesi ha permesso alle forze dell’ordine di effettuare verifiche e controlli puntuali sul transito di veicoli risultati rubati o sotto osservazione. Il consigliere Alberto Munarin spiega :”Sono state configurate ed installate due tipologie di impianti uno con registrazione e lettura targhe sui varchi: varco 1 via Pontegrasso, varco 2 via Villatega, varco 3 via De Gasperi, varco 4 via Montegrappa; l’altro con telecamere per la registrazione: .2 telecamere di contesto via Roma, 8 telecamere villa Romanin Jacur, 2 telecamere alla scuola infanzia via Frusta,.4 telecamere alla scuola Media via Meucci, 2 telecamere alla scuola elementare via Mameli, 2 telecamere alla elementare via Montegrappa, 4 telecamere al parcheggio stazione, 2 telecamere alla elementare via Rossini a Robegano e 2 telecamere in via XXV Aprile sempre a Robegano. Il sistema di videosorveglianza infatti permette di monitorare i veicoli in transito per quanto riguarda la regolarità dell’assicurazione e della revisione, nonché è utile in caso di furti e di incidenti stradali”.

Tra il Comune di Salzano l’Unione dei Comuni del Miranese ed il “Responsabile della protezione dei dati” è stata definita la documentazione e le procedure per la gestione dell’impianto. E’ prevista la convenzione con questura, carabinieri, polizia locale per permettere loro l’accesso diretto alle registrazioni. Da progetto è inoltre prevista la formazione delle forze dell’ordine per essere autonomi nella consultazione che può essere fatta da remoto, in sede comunale, utilizzando un tablet adibito a questa funzionalità.

“Alcuni cittadini – aggiunge il consigliere delegato Alberto Munarin- hanno fatto richiesta di poter posizionare camere di videosorveglianza anche in alcune aree finora non previste dove sono segnalati atti vandalici. Sono in fase di valutazione anche queste richieste che, data la struttura attuale dell’impianto, comportano un’analisi per risolvere i problemi di connettività”. Insomma si tratta di soluzioni importanti per la sicurezza di un centro come Salzano, sia dal punto di vista automobilistico che della prevenzione dei reati e la loro funzione di deterrente è indiscutibile.

Lino Perini

Le più lette