venerdì, 27 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomePadovanoArzergrande, polemica sul bilancio previsionale

    Arzergrande, polemica sul bilancio previsionale

    Banner edizioni

    Ad Arzergrande il consiglio comunale ha approvato il bilancio previsionale 2021-23 ma per la minoranza è approssimativo

    Arzergrande
    Arzergrande

    «Dopo diversi anni – ha spiegato l’assessore al Bilancio Nicolò Grigoletto – si è arrivati a una “quadratura del cerchio” che permetterà non solo una più corretta gestione in corso d’esercizio, ma consentirà una maggiore fluidità nelle operazioni che si intenderanno intraprendere da qui in avanti in termini di spesa. Il Comune di Arzergrande, sulla base dei dati di bilancio, rispetta 7 criteri su 8 e di conseguenza non è da considerarsi in condizioni strutturalmente deficitarie».

    Il sindaco Filippo Lazzarin si complimentato con l’assessore per il lavoro di ordine sull’attività economico-finanziaria. Si è poi rammaricato della mancanza di personale in municipio ma l’impegno è massimo per coprire tutte quelle figure essenziali per la sopravvivenza dell’ente.

    «Il ruolo della Ragioneria – ha commentato Lazzarin – è centrale. Era l’importante portare in approvazione il bilancio in tempi brevi in questo ultimo anno di mandato».

    Le parole del capogruppo di minoranza sul bilancio previsionale

    «Se il Documento unico di programmazione – ha invece evidenziato il capogruppo di minoranza Piercarlo Cavalletto che, con i suoi, ha votato contrario – è il documento politico del triennio, ci pare redatto in modo approssimativo e per questo difficilmente possiamo dire che la situazione sia sotto controllo. Approvare in tempi così rapidi il bilancio non è filantropia ma interesse in termini di scadenza elettorale».

    Cavalletto continua: «C’è poi ancora aperta la questione Padova. Ci sono 400 mila euro bloccati nei fondi di bilancio. Chiediamo che l’amministrazione si faccia sentire per liberare quella somma. I cittadini devono sapere che una determinata classe dirigente sta temporeggiando su una questione così importante. Chiunque amministrerà il prossimo quinquennio deve avere a disposizione quei soldi».

    Alessandro Cesarato

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni